Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il Vaffa day visto da lontano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il Vaffa day visto da lontano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Che strana sensazione leggere del successo del Vaffa-day, proprio nei giorni in cui, qui in Grecia, siamo in piena campagna elettorale. Una strana sensazione, dicevo, perché qui ci si azzuffa su pensioni e tasse, incendi e scandali. Una zuffa tutta politica. La Grecia ha ancora questo vantaggio: si nutre di scontri e di contradditori. Impensabile un vaffa-day in versione attica, per protestare contro gli eventuali “condannati” eletti in Parlamento. Qui non ci sono, non sono accettati dal costume politico, tantomeno sarebbero accettati e dai partiti e dall’opinione pubblica. I greci sono ancora convinti che sia la politica lo strumento principe per la gestione della cosa pubblica. Un amico giornalista mi ha chiesto delle “spiegazioni” su quanto è avvenuto nelle piazze italiane. Confesso il mio imbarazzo nello spiegare il fenomeno con categorie socio-politiche a lui sconosciute. L’anti-politica, ad esempio. Oppure i condannati in Parlamento. O ancora la proliferazione dei partiti, nonostante una legge elettorale di tipo maggioritario? E infine: come è possibile che un parlamentare possa trasmigrare nell’altro schieramento. Tutte queste domande hanno una risposta che va oltre i confini nazionali? Dai miei imbarazzi, credo di no. Delle manifestazione da avanspettacolo di Beppe Grillo, il mio amico, persona raffinata con un lungo curriculum di studi, ha capito solo il “vaffa…”, espressione che tutti i greci conoscono.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)