Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vietato denunciare tassisti abusivi a Termini. Si rischia di essere denunciati. Poretti e Concia depositano interpellanza‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vietato denunciare tassisti abusivi a Termini. Si rischia di essere denunciati. Poretti e Concia depositano interpellanza‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Di seguito il testo dell'Interpellanza depositata dalla senatrice Radicale > Donatella Poretti al Senato e dalla deputata del Partito democratico Paola > Concia alla Camera>> Interpellanza al ministro della Difesa> Premesso che:>> in data 22 maggio 2012, alle ore 10.50, la sottoscritta senatrice > Donatella Poretti insieme all'onorevole Paola Concia uscendo dalla > Stazione di Roma Termini lato piazzale dei Cinquecento siamo state > assalite dalle purtroppo note richieste e offerte dei tassisti abusivi. > Abbiamo risposto ai signori di non insistere altrimenti li avremmo > denunciati, e cosi' infatti abbiamo pensato di fare visto che proprio nel > marciapiede tra le uscite della Stazione e la coda delle persone in attesa > dei taxi c'era parcheggiata una macchina dei Carabinieri, con un > carabiniere in servizio.>> Ci siamo rivolte al carabiniere segnalando la presenza dei tassisti > abusivi indicando i diversi signori in questione, denunciando quindi > l'attivita' illecita che in quel momento si stava consumando davanti ai > nostri occhi. Il carabiniere con nostra meraviglia ha risposto con le > seguenti parole: "non ci sono tassisti abusivi, io non ne vedo. Se volete > fare una denuncia andate a farla in caserma". Esterrefatte dalla risposta > abbiamo insistito indicando i signori, ritenendo che se li identificavamo > sul posto avremmo aiutato nella denuncia, ma il carabiniere insisteva che > secondo lui non c'erano tassisti abusivi e che lui non ne vedeva. Nel > frattempo questi trovandosi a pochi metri da noi si stavano dileguando tra > la folla che continuava a radunarsi intorno. Il carabiniere, scocciato > dalla nostra insistenza ci ha chiesto di fornirgli i documenti per > identificarci. Cosi' abbiamo fatto dandogli i tesserini rilasciati > rispettivamente dal Senato della Repubblica e dalla Camera dei> Deputati. Nella concitata fase in cui non riuscivamo a capire perche' il > carabiniere chiedeva a noi i documenti e non interveniva contro i tassisti > abusivi, lo stesso ha chiamato i suoi superiori. Prima sono arrivati due > carabinieri e poi infine un maresciallo. A fronte delle nostre ripetute > richieste di riavere i documenti, che venivano trattenuti senza farne > alcun uso, alla fine, su richiesta del maresciallo hanno trascritto i > nostri dati su un foglio, richiedendoci altresi' anche la residenza. Cosi' > e' stato fatto anche per almeno due passanti.>> Alle nostre reiterate richieste che ci venisse fornito il nominativo del > carabiniere in questione, ne' il carabiniere ne' i superiori ci hanno > dato soddisfazione. Non e' quindi stato possibile identificarlo.>> La situazione e' apparsa paradossale fin dalla prima risposta del > carabiniere che in seguito ha cercato di dare una versione diversa, dopo > aver visto i nostri documenti, dicendo che non eravamo noi che dovevamo > fare la denuncia in caserma, ma che lui avrebbe portato in caserma i > tassisti abusivi, versione insostenibile visto che aveva negato > l'esistenza dei tassisti abusivi fin dall'inizio e solo quando erano > andati via ci ha chiesto dove erano. Quando gli abbiamo fatto notare > sorridendo che ormai non c'erano piu', con fare minaccioso e duro mi ha > chiesto perche' ridevo e alla persona che si trovava accanto a lui in quel > momento, che in precedenza gli avevamo indicato come uno dei tassisti > abusivi, ha chiesto i documenti per poterlo avere come testimone del mio > atteggiamento provocatorio e oltraggioso.>>> Nel frattempo l'onorevole Concia ha preannunciato che una volta arrivata > alla Camera dei Deputati si sarebbe rivolta alla Polizia. Uno dei > carabinieri arrivati in un secondo momento ha replicato: "tanto voi siete > la casta!".>> Riottenuti finalmente i nostri documenti dopo una ventina di minuti siamo > finalmente riuscite a prendere un autobus e a lasciare la stazione > Termini.>> Considerato che:>> i fatti in premessa costituiscono un evidente disincentivo per i cittadini > a collaborare con le forze dell'ordine per denunciare palesi illegalita' e > violazioni di legge, fatti su cui ci riserviamo in altra sede di sporgere > denuncia querela per omissione d'intervento,>> Si chiede:>> di svolgere un atto di sindacato ispettivo interno all'Arma dei > Carabinieri ai fini di accertare l'operato del carabiniere in questione, > identificandolo e piu' in generale della Caserma dei carabinieri della > Stazione di Roma Termini per il controllo, la denuncia e la repressione > del fenomeno dell'esercizio dei tassisti abusivi.>> Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico> Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax > 0667064771> Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 055290118> Cellulare: 336252221> mailto: poretti_d@posta.senato.it> Sito Internet: www.donatellaporetti.it

Invia commento comment Commenti (0 inviato)