Privacy Policy politicamentecorretto.com - IUniScuola AL VIA UN POLO DI AGGREGAZIONE DI ENERGIE NUOVE NEL SINDACATO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

IUniScuola AL VIA UN POLO DI AGGREGAZIONE DI ENERGIE NUOVE NEL SINDACATO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

24 maggio 2008 , SCIOPERO di “liberazione” nelle scuole della Puglia

 


 
Secondo Leonardo Donofrio di IUniScuola(foto) , con lo sciopero di "liberazione" si rinnova la speranza che alcuni temi -diritti civili, cittadinanza, laicità, pace e la scuola- tornino al centro dell'agenda politica, in un percorso  che possa segnare una forte discontinuità rispetto all'attuale gestione della scuola pubblica.
L'iniziativa di mobilitazione e di sciopero è stata condivisa dal personale della scuola  della Campania,della Liguria ,della Calabria che chiedono trasparenza(Pubblicazione nominativa sui siti degli USR) sulla stipula dei contratti di lavoro degli ATA ,Docenti e Dirigenti Scolastici; in particolare  i  docenti e gli ATA  della scuola della Puglia dicono:
"Si continuano ad operare tagli ,con pesanti ricadute sul personale in servizio, non si affrontano questioni centrali come la dispersione scolastica,  si rimanda il problema degli insegnanti di sostegno, con tutto ciò che consegue perché le studentesse e gli studenti diversamente abili vedano riconosciuto un diritto allo studio sostanziale, e non solo formale". La questione dei docenti precari e del personale ATA è diventata ancor più insostenibile. I programmi elettorali  hanno previsto di  eliminare il problema decennale del precariato. Evidentemente, ribadiscono i precari Docenti e Ata "non avevamo ben inteso che l'eliminazione fosse fisica".
Eppure  è emerso qualcosa di nuovo. Prima di tutto, la grande dignità e un rinnovato protagonismo dei movimenti e delle associazioni "non allineate" che rappresentano Docenti e personale ATA in condizioni di precarietà strutturale.
Probabile che ci sia la volontà sociale e politica di tali soggetti a non fare sconti anche a questo Governo,  che appare ancora una volta lontano dai bisogni reali della scuola pubblica.
Soddisfazione da parte delle Organizzazioni Sindacali FIS-CAB, CISAL, INTESA, IUNISCUOLA, RdB-CUB SCUOLA, SAB promotrici dello sciopero.Leggi tutto LINK http://www.fiscab.it/
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie