Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Tenere lontani dalla politica i personaggi vicini ai boss”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Tenere lontani dalla politica i personaggi vicini ai boss”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

“Il ricordo di Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di polizia, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro uccisi dalla mafia a Capaci, deve essere per tutti uno stimolo a moltiplicare l'impegno per scacciare le mafie dal nostro Paese. La politica deve sentire per prima questa responsabilità”. Così la capogruppo del Pd in commissione Antimafia, Laura Garavini, nel giorno dell'anniversario della strage di Capaci. “Per questo ho apprezzato l'intervento di oggi del Presidente del Consiglio - ha aggiunto - che ha usato toni ben diversi da quelli a cui ci aveva abituato il precedente governo. Un serio impegno a combattere le mafie in tutto il territorio nazionale, una voglia di verità su tutte le stragi che ha animato anche il nostro lavoro in commissione Antimafia, un chiaro messaggio a tenere lontani dalla politica personaggi vicini alle cosche. Questo - ha concluso - è anche l'impegno che il Pd cerca di praticare ogni giorno”.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 27 Maggio, 2012 15:47:20
    Da una intervista al Procuratore Pietro Grasso del 25.05.2012,le piaccia o meno carissima onorevola, ne sa piu di tutto il PD messo insieme.-Ai conduttori che mi chiedevano se il governo Berlusconi avesse fatto qualcosa di buono nella lotta alla mafia – ha raccontato Grasso – io ho detto di si’, perche’ qualcosa di buono c’e’ stato mentre altro non e’ stato fatto.