Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sincera gratitudine alleforze dell'ordine calabresi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sincera gratitudine alleforze dell'ordine calabresi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Componente Commissione Giustizia

La grande ed infaticabile attività delle Forze dell’Ordine calabresi, alle quali va il sentimento di sincera gratitudine , sta garantendo alla giustizia pericolosi latitanti della ‘ndrangheta. Alcuni giorni fa i Carabinieri di Locri (R.C.) hanno catturato il latitante Giuseppe Nirta, capo dell’omonima cosca di San Luca ed inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi del Ministero dell’interno . La scorsa notte, gli uomini della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Siderno hanno catturato, in località vicino a San Luca, Antonio Romeo, presunto affiliato alla ’ndrangheta ed anche lui inserito tra i 100 latitanti più pericolosi.
Questi grandi risultati nel contrasto alla ‘ndrangheta che continuano ad essere conseguiti dalle Forze dell’Ordine, non possono non evidenziare il raffronto che, sempre in questi giorni, siamo costretti a fare nel constatare lo sconsiderevole uso del cd “ patteggiamento in appello” che sta portando alla scarcerazione, seppur sotto forma di “domiciliari”,  di noti boss della ‘ndrangheta.
Non si potrà mai garantire l’efficacia del contrasto alla criminalità organizzata, se i boss non espieranno fino all’ultimo giorno la condanna loro inflitta. Non credo che si possa rimanere impassibili di fronte all’assegnazione dei domiciliari, avvenuta appunto grazie al ricorso del cd “patteggiamento in appello” di Pantaleone e di Ciccio Mancuso, proprio nel mentre si sta svolgendo il secondo grado del processo “Dinasty -Affari di famiglia”,  che li aveva visti condannati per mafia in primo grado.
Prendo atto che il Governo nel “Pacchetto sicurezza”, recentemente varato, ha proposto finalmente l’abolizione, per reati mafiosi, della possibilità di ricorso al cd “patteggiamento in appello” , cosi come da me stessa proposto con l’Atto Camera n. 1085 del 20 maggio 2008. Occorre ora, con la massima urgenza, che il Parlamento tutto converta in legge la proposta governativa, al fine di non consentire che i mafiosi possano godere di benefici, che ritengo assolutamente loro non dovuti, anche alla luce del potere che le varie ‘ndrine stanno continuando ad usurpare, soprattutto in Calabria.


 


 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)