Privacy Policy politicamentecorretto.com - TERREMOTO: GIAI(MAIE), NON PERMETTIAMO CHE LE IDENTITA’ DELLA GENTE VENGANO SPEZZATE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

TERREMOTO: GIAI(MAIE), NON PERMETTIAMO CHE LE IDENTITA’ DELLA GENTE VENGANO SPEZZATE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Roma, 4 giu . – “I sogni  della gente infranti in pochi minuti, amarezza e impotenza. Questi sentimenti e questa disperazione dovrebbero farci riflettere in questa giornata di lutto. Migliaia le persone sfollate che oggi non hanno più un tetto, un amico, la loro stessa dignità. Vi prego di pensare al loro stato d’animo e al fatto che da oggi il loro unico rifugio sarà il ricordo. So cosa significa essere considerati con quella terribile parola, è uno stato d’animo che rompe la propria identità, non permettiamo che accada anche questo”. Queste le parole della senatrice del Movimento associativo italiani all’estero, Mirella Giai, nella giornata di lutto nazionale per le vittime del terremoto in Emilia Romagna.  
 
“Il nostro territorio va salvaguardato non solo in virtù della gente che lo abita e dei disastri che possono accadere e sconvolgere vite ma per il territorio stesso. Pensiamo a tutte quelle opere che sono rimaste in piedi per secoli e che in un attimo vengono  rase al suolo. Noi abbiamo la responsabilità di salvaguardarle, perché sono parte del nostro patrimonio artistico e culturale. Se la terra trema è un fatto geologico “naturale”, forse anche imprevedibile nella sua devastazione ma bisogna impegnarsi affinché non diventi una consuetudine di morte e distruzione. Dobbiamo imparare a convivere con questi fenomeni cercando di limitarne i danni. La vera sciagura - conclude la Giai -  è non occuparsi di fatti del genere”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)