Privacy Policy politicamentecorretto.com - INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Al presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri dello Sviluppo Economico e Infrastrutture e Trasporti , del Lavoro e Politiche Sociali e al Ministro dell’Interno : Per sapere – Premesso che:

- la Calabria è la Regione che registra il più alto tasso di disoccupazione, purtroppo in aumento grazie alla situazione di crisi che attraversa il nostro Paese, ma che è maggiormente presente in quella parte del territorio nazionale dove lo sviluppo economico è stato sempre frenato, vuoi dalla presenza della ‘ndrangheta vuoi dal dominante sistema di malaffare e corruzione;

- per i circa 700 lavoratori del Porto di Gioia Tauro, già in Cassa Integrazione dal luglio dello scorso anno, non appare definita la situazione che per gli stessi si profilerà alla scadenza del periodo di Cigs;

- purtroppo appaiono ormai realtà le indiscrezioni che da giorni paventavano la chiusura dello stabilimento Italcementi di Vibo Marina che dal 1939 rappresentava il baricentro economico della zona, con la conseguente mobilità di 82 lavoratori;

- nella comunicazione che la Italcementi ha diramato si legge, tra l’altro: “ A Vibo Marina, in particolare, il difficile contesto in cui si è trovata a operare la cementeria ha precluso soluzioni logistiche e normative che avrebbero consentito di mantenere un adeguato livello di competitività industriale”;

- si presuppone che le difficoltà evidenziate dalla Italcementi facciano riferimento al trasporto su gomma, al materiale, non di altissima qualità, estratto dalle cave,  al calcare acquistato da terzi e alla mancanza di combustibili alternativi;

- la chiusura della Italcementi di Vibo Marina rappresenta davvero un colpo mortale per il già fragilissimo livello occupazionale dell’intero territorio calabrese;

- la situazione di grave crisi occupazionale che sta invadendo la Calabria, ad avviso dell’interrogante, consente alla criminalità organizzata di inserirsi ulteriormente nel già fragile tessuto economico della regione Calabria:

 

 se non ritengano necessario ed urgente avviare un adeguato tavolo delle trattative a livello nazionale per valutare gli interventi utili a garantire il mantenimento dell’occupazione ai lavoratori, la cui instabilità rischia di minare l’ordine pubblico del territorio.

On. Angela NAPOLI


Roma, 12 giugno 2012

Invia commento comment Commenti (0 inviato)