Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Italiani all'estero: leva strategica per l'internazionalizzazione"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Italiani all'estero: leva strategica per l'internazionalizzazione"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

“Il decreto sviluppo punta sull’internazionalizzazione e va nella giusta direzione”

“Puntare sull’internazionalizzazione può essere una strategia per uscire dalla crisi”. Lo dice Laura Garavini, deputata del Partito Democratico eletta nella Circoscrizione Europa, commentando le misure presentate del Governo per la crescita economica. Dopo alcune correzioni apportate dalla Commissioni parlamentari, il decreto è in via di approvazione alla Camera dei Deputati.

“Per rilanciare l’economia è opportuno che le nostre imprese raggiungano nuovi mercati. Bisogna guardare oltreconfine per promuovere e vendere prodotti”, ha aggiunto la deputata. “In attesa di una più generale riorganizzazione degli enti di promozione, il Decreto Sviluppo, in materia di internazionalizzazione, va nella giusta direzione: l’Agenzia-ICE viene potenziata e le agevolazioni alle imprese vengono semplificate ed accelerate”.

“Nei programmi d’attuazione del decreto auspichiamo che il Ministro dello Sviluppo economico non trascuri uno dei principali punti di forza del nostro Paese: la presenza delle realtà italiane nel mondo. L’Italia, infatti, può contare su cinque milioni di connazionali che promuovono la nostra cultura e il consumo dei nostri prodotti in tutto il mondo. Essi costituiscono un vero e proprio volano per la promozione dei nostri interessi nazionali”.

“Ecco che ci auguriamo che nella fase di attuazione del decreto possano venire coinvolte le rappresentanze degli italiani all’estero e le Camere di Commercio”, ha concluso Laura Garavini. “Per favorire l’internazionalizzazione delle imprese, auspichiamo, inoltre, che si dia particolare attenzione ai progetti che prevedono l’utilizzazione delle competenze dei nostri giovani e delle professionalità dei nostri imprenditori all’estero”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)