Privacy Policy politicamentecorretto.com - Newsletter N. 43, dell’ On. Franco Narducci

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Newsletter N. 43, dell’ On. Franco Narducci

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 
La sostenibile pesantezza del debito italianoIl giorno precedente l'ultimo venerdi' nero (20 luglio), che ha visto il crollo della Borsa di Milano e lo spread con i bund tedeschi superare i 500 punti, un mio amico venne raggiunto al telefono dal suo promotore finanziario: E' meraviglioso gli disse quest'ultimo il nostro investimento ci rende il 12%; metti qui altri soldi se puoi!. La morale della favola e' che alla fine gli speculatori siamo anche noi; noi che quando affidiamo i nostri risparmi ai promotori finanziari non gli raccomandiamo certo di impiegarli in modo patriottico, ma solo in quello piu' vantaggioso. …


Comites e CGIE: grave rinviate le elezioni di Comites e CGIE - La democrazia non puo' attendere.L'ulteriore rinvio delle elezioni per il rinnovo dei Comitati degli italiani residenti all'estero (Comites) e del Consiglio Generale degli italiani all'estero (CGIE) - una sorta di esecrazione a cui nemmeno il Governo Monti si e' sottratto e che lo ha giustificato con le prevedibili difficolta' economiche - lascia davvero allibiti. Dei Comites e del CGIE si puo' pensare tutto il bene o il male che si vuole, ma e' ingiustificabile che si stravolgano le regole della democrazia con tanta sfrontatezza come e' stato fatto dal 2009 in poi. ….


Editoria: positivo riconoscimento del ruolo della stampa italiana all'esteroIl 9 luglio scorso sono intervenuto nell'Aula di Montecitorio, durante il dibattito generale, sul decreto concernente i contributi all'editoria. In particolare ho sottolineato il fatto che finalmente il decreto in questione ha ripristinato i fondi per l'editoria italiana per le comunita' emigrate giudicando positivamente il ruolo insostituibile della stampa italiana all'estero per la promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo, oltre che come elemento qualificante per costruire processi di riconoscimenti identitari delle nostre collettivita' emigrate. …

Tutto su www.franconarducci.eu

Invia commento comment Commenti (0 inviato)