Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vivara, l’isola che non c’è

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vivara, l’isola che non c’è

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Vivara è un piccolo isolotto tra Procida e Ischia. Vivara fu trasformata dai Borbone, molti secoli fa, in una riserva di caccia. Vivara fu scelta da Giorgio Punzo come luogo dove insegnare la bellezza e i misteri della natura agli adolescenti; e grazie a lui fu salvata dagli scempi edilizi degli Sessanta e Settanta. Vivara è una riserva naturale presieduta da Maurizio Marinella. Vivara è un’isola in cui nessun visitatore può oggi (legalmente) accedervi. Vivara è un’isola che non c’è.
Patrimonio ambientale d’inestimabile valore che annovera molteplici specie vegetali e animali tipiche della cosiddetta macchia mediterranea, è stata fino al 1993 uno dei piccoli, grandi gioielli nascosti – ma, almeno allora, frequentabile  –  presenti nel golfo di Napoli. Per merito dell’opera infaticabile del già ricordato Punzo in quel periodo Vivara fu inibita agli speculatori e aperta a studenti e appassionati di tutto il mondo. Così come avviene per ogni tesoro che si rispetti. Poi Punzo fu materialmente cacciato e la riserva chiusa e quindi vandalizzata, sporcata, abbandonata. Così come avviene per ogni tesoro che si rispetti in Italia.
Gli onorevoli propositi di Marinella degli ultimi lustri sono sempre rimasti sulla carta. Mai nessun progetto serio, nessuna idea, nessuna speranza. E, paradossalmente, ci sarebbero anche i soldi. Ma tutto giace fermo. Da vent’anni.
E non basta un mare di una bellezza straordinaria e un paesaggio di incredibile suggestione che nel lungo scorrere del tempo si è modellato all’interno di un ex cratere vulcanico. Non bastano le rovine achee poste sull’istmo meridionale e un delicato ecosistema fatto di scogliere mozzafiato, olivi inselvatichiti, corbezzoli,  ginestre, mirti, lentischi, cardellini, sparvieri, gabbiani e troppo voraci conigli. Non basta neanche la sua vicinanza con Napoli, raggiungibile in poco meno di cinquanta minuti. O il suo essere un potenziale  attrattore turistico in un momento storico in cui la natura è di moda e attira ricchi ed educati visitatori. Tutto sembra essere inutile, niente sembra scalfire questo incomprensibile immobilismo.


Ora anche il “Corriere della Sera” (http://www.corriere.it/inchieste/reportime/ambiente/vivara-paradiso-1-milione-mezzo-chiuso-pubblico/31e5b6ec-d97e-11e1-baf7-133d6e5f95b5.shtml) se n’è accorto. Ma tutto continua a tacere. Non resta altro che continuare a sperare. E allora speriamo bene.


Roberto Colonna

Invia commento comment Commenti (0 inviato)