Privacy Policy politicamentecorretto.com - "I sacrifici sono richiesti a tutti, indistintamente; sacrifici che non possono trasformarsi in macelleria sociale”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"I sacrifici sono richiesti a tutti, indistintamente; sacrifici che non possono trasformarsi in macelleria sociale”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Anche se l’attività parlamentare è sospesa per la pausa estiva, non possiamo dimenticare le tante emergenze che affliggono l’Italia.

Il “Governo dei tecnici”, che responsabilmente Berlusconi ha contribuito a creare con il suo “passo indietro” è alle prese con una vasta ed articolata opera di contenimento della spesa pubblica, mediante un’azione di spending review.

I sacrifici sono richiesti a tutti, indistintamente; sacrifici che non possono trasformarsi in “macelleria sociale”, dove alla fine c’è chi paga di più (i soliti), chi paga di meno (i più fortunati), chi non paga nulla e addirittura chi, in modo irresponsabile, aumenta quel tanto che già riceve.

E’ di oggi un articolo apparso su “Il Fatto Quotidiano” in cui si riporta il caso della casta diplomatica, che salva dall’opera di risparmio governativa, i tagli che riguardano gli stipendi, gli emolumenti e tutti i benefit di cui il nostro personale diplomatico attinge a piene mani.

Non mi trovo a condividere molti degli interventi del Governo Monti, prima fra tutte l’azione sistematica di svuotare il Parlamento in sede di conversione dell’azione di decretazione, con uno smisurato ricorso alla fiducia.

In tempi non sospetti, proprio all’alba della nascita del “Governo tecnico”, il 22 dicembre 2011, ho presentato una proposta di legge (A.S. 3078) relativa alla “Riduzione di spesa del personale diplomatico”; ho anche trasfuso il contenuto, molto semplice per la verità, in emendamenti presentati ogni qualvolta il Governo Monti proponesse decreti inerenti la lotta agli sprechi e il contenimento della spesa pubblica. Mai nulla!

Se la lobby diplomatica vuole salvaguardare il bilancio della Farnesina forse è bene che si concentri su capitoli di spesa più opportuni. Qualche esempio, gli insegnanti di lingua italiana all’estero, le iniziative per gli italiani nel mondo nel campo assistenziale, sociale e sanitario.

 

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)