Privacy Policy politicamentecorretto.com - Pensionati all’estero, Garavini (PD): “Ma gli accordi a cosa servono se la burocrazia aumenta e i Patronati vengono ignorati?”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Pensionati all’estero, Garavini (PD): “Ma gli accordi a cosa servono se la burocrazia aumenta e i Patronati vengono ignorati?”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

“Ancora una volta i pensionati all’estero vengono costretti a lottare da soli contro la burocrazia e i patronati vengono ignorati. E questo nonostante soltanto poche settimane fa sia stato stilato un accordo tra l’Inps e il CEPA per rendere più agevole l’assistenza dei pensionati da parte dei Patronati”. Lo dice Laura Garavini, deputata del Partito Democratico eletta nella Circoscrizione Estero – Europa, presentando un’interrogazione parlamentare al Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali.

“L’accordo siglato recentemente impegna l’Inps a facilitare il lavoro di consulenza che gli enti sul territorio forniscono ai pensionati. Occorre rendere effettive le disposizioni contenute nella convenzione”, aggiunge la deputata PD, “perché i Patronati sono spesso gli unici interlocutori capaci di aiutare gli italiani all’estero sul territorio”.

“In questi giorni, senza chiarimenti di sorta, i pensionati stanno ricevendo lettere che annunciano il ricalcolo dell’importo delle pensioni. Il ricalcolo dovrebbe essere preceduto da una comunicazione che ne fornisca la motivazione agli interessati. E occorre che l’Inps avverta per tempo i Patronati, per evitare che gli operatori siano colti di sorpresa”.

“Il ricalcolo delle pensioni in base alle variazioni reddituali è legittimo”, conclude Laura Garavini. “Altrettanto legittimamente, però, i pensionati sono sensibili anche alle minime riduzioni, e hanno tutto il diritto di conoscerne i motivi”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)