Privacy Policy politicamentecorretto.com - Giuseppe Angeli, interrogazione su Alitalia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Giuseppe Angeli, interrogazione su Alitalia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

TESTO  DELL’INTERROGAZIONE  A RISPOSTA SCRITTA PRESENTATA DALL’ONOREVOLE GIUSEPPE ANGELI AL MINISTRO DELL’ECONOMIA PROF. GIULIO TREMONTI IN MATERIA DI  RIASSETTO DELLA COMPAGNIA AEREA NAZIONALE DI  BANDIERA “ALITALIA”

Al Ministro dell’Economia – Per sapere –


Premesso che:  

- Gli Italiani sono nella grande maggioranza poco propensi all’acquisto di Alitalia da parte di un’azienda straniera, indipendentemente che sia Air France, Klm, o altro vettore;

- In campagna elettorale gli Italiani hanno accolto positivamente l’idea del Presidente Berlusconi della creazione di una cordata costituita da imprenditori italiani interessati all’acquisto della nostra compagnia di bandiera e di mantenerla tale;

- La possibilità di porre in essere un prestito nazionale cui possano aderire le famiglie italiane è realistica;

- Il prestito obbligazionario dovrebbe garantire un reddito dello 0,5% in più del reddito BOT statale, e da studi commissionati risulta che una famiglia italiana su quattro dichiara di voler aderire a questa sottoscrizione, coinvolgendo così di conseguenza un nucleo familiare su venti, cioè circa un milione di famiglie, raggiungendo quindi alcuni miliardi di euro, che sarebbero sufficienti non solo all’acquisizione di Alitalia, ma anche alla sua gestione in vista di una seria ricollocazione sul mercato aereo;

- In alternativa si potrebbe attuare questo prestito anche prelevando dalle buste paga una cifra da stabilire in sede ministeriale e di concertazione, che verrà poi resa nuovamente alle famiglie attraverso quelli che comunemente vengono definiti “ticket pranzo” o “buoni pasto” (che come è noto in Italia sono spendibili anche nei supermercati, ipermercati e diversi negozi), nella busta paga del mese successivo, così che si possa ottenere liquidità monetaria e non privare di alcunché le famiglie;

Si chiede :
    
- Se il Signor Ministro intende dare delucidazioni in merito alla questione sopra esposta ritenendo questo un progetto a mio parere valido e di possibile attuazione dal punto di vista economico - monetario.

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)