Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Un tavolo di confronto per risolvere il problema dei programmi tv criptati”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Un tavolo di confronto per risolvere il problema dei programmi tv criptati”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“Mettiamo tutti insieme ad un tavolo per risolvere con determiniazione il problema dei programmi criptati della Rai”. È la proposta dell’on. Laura Garavini (PD) che insieme a Franco Narducci e Gianni Farina chiede con un’interrogazione al governo “se non intenda promuovere la costituzione di un tavolo di confronto, composto da rappresentanti della RAI, parlamentari eletti nella Ripartizione Europa della Circoscrizione Estero, rappresentanti del CGIE ed esperti” per esaminare in tempi brevi delle soluzioni per superare il sistema di criptaggio, permettendo anche agli italiani all’estero di seguire sui canali della Rai programmi di grande interesse, come per esempio le partite della nazionale di calcio.

Secondo la deputata PD finora “non si è cercata, con sufficiente determinazione, una soluzione concreta del problema, nonostante le numerose sollecitazioni pervenute dalle nostre comunità e dalle loro istituzioni di rappresentanza come il Comites o il CGIE”. Questo disagio per gli italiani all’estero si è riacceso in occasione dei Campionati Europei di calcio: Quando si sintonizzano sui programmi Rai per vedere le partite degli Europei non possono vedere nulla. Tutte le partite sono criptate per chi, come gli italiani all’estero, capta i programmi Rai via satellite.

“Cerchiamo insieme delle soluzioni praticabili in tempi brevi che tengano conto delle condizioni finanziarie e organizzative”, propone Garavini suggerendo per esempio l´introduzione di una card di decriptaggio per gli italiani all’estero. “La comunicazione sportiva rappresenta un incisivo strumento di collegamento con le nostre realtà all’estero e un veicolo di coesione con il nostro Paese”, conclude la neo deputata, “per questo vorrei che tutti insieme facciamo uno sforzo per risolvere questo problema”.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)