Privacy Policy politicamentecorretto.com - BUCCHINO (PD): LE MAGGIORAZIONI SOCIALI NON SONO PIU’ ESPORTABILI IN SVIZZERA E NEI PAESI SEE. IL PERICOLO DELLA REVOCA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

BUCCHINO (PD): LE MAGGIORAZIONI SOCIALI NON SONO PIU’ ESPORTABILI IN SVIZZERA E NEI PAESI SEE. IL PERICOLO DELLA REVOCA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

La mannaia del legislatore (comunitario e italiano) si abbatte anche sui pensionati italiani in Svizzera. Le maggiorazioni sociali non saranno più esportabili nella Confederazione elvetica ma anche nei Paesi SEE (Islanda, Norvegia e Liechtenstein) e probabilmente verranno revocate agli attuali titolari. Ce lo ricorda l’Inps in una sua recente circolare (la 111 del 14 settembre 2012) relativa all’applicabilità dei nuovi regolamenti comunitari di sicurezza sociale ai Paesi succitati. Come noto, il 1° maggio 2010 sono entrati in vigore i nuovi regolamenti comunitari in materia di sicurezza sociale.  A decorrere dal 1° aprile 2012 e dal 1° giugno 2012, i nuovi regolamenti comunitari si applicano rispettivamente anche alla Confederazione elvetica e ai Paesi SEE. La circolare dell’Inps precisa che dalle stesse date la maggiorazione sociale diviene inesportabile anche in tali Paesi, oltre che negli Stati membri dell’Unione europea diversi dall’Italia.
Come si ricorderà la maggiorazione sociale era divenuta inesportabile negli Stati dell’Unione europea a decorrere dal 1° giugno 2005, a seguito dell’entrata in vigore del regolamento CE n. 647 del 13 aprile di quell’anno. Tale regolamento, fino a quest’anno, non era applicabile alla Svizzera e ai Paesi SEE.  L’Inps ora ci ricorda che considerato che i nuovi regolamenti comunitari si applicano anche alla Svizzera e ai Paesi SEE, le maggiorazioni sociali diventano inesportabili  anche in tali Stati a decorrere rispettivamente dal 1° aprile 2012 (Svizzera) e dal 1° giugno 2012(Paesi SEE). In particolare dalle stesse date non è più possibile attribuire il diritto alle maggiorazioni sociali previste dalla legge n. 544 del 29 dicembre 1988, e successive modifiche, e neanche corrispondere le maggiorazioni sociali già attribuite, ai soggetti residenti sul territorio di uno dei suddetti Stati. Ciò significa che agli attuali titolari di maggiorazioni sociali residenti in tali Stati non verranno più corrisposte in futuro e, per quanto ci sembra di capire, saranno addirittura revocate (e quindi non “congelate”) le maggiorazioni sociali di cui sono attualmente titolari. Le altre prestazioni italiane non esportabili in ambito comunitario, e neanche in Svizzera e nei Paesi SEE, sono: le pensioni sociali; le pensioni, gli assegni e le indennità ai mutilati ed invalidi civili; le pensioni e le indennità ai sordomuti; le pensioni e le indennità ai ciechi civili; l’integrazione della pensione minima; l’integrazione dell’assegno di invalidità; l’assegno sociale. Tali prestazioni vengono esclusivamente erogate in Italia.

On. Gino Bucchino

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data michele castellini, 20 Settembre, 2012 21:32:55
    Credo che quando si vota l'anno prossimo bisognera' rassicurasi il migliore per gli italiani al estero con cose reali e non promesse.michele.