Privacy Policy politicamentecorretto.com - "UNO SCANDALO DI CORRUZIONE SCUOTE LA POLITICA ITALIANA"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"UNO SCANDALO DI CORRUZIONE SCUOTE LA POLITICA ITALIANA"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

DAVANTI ALLA PUBBLICAZIONE DI UN ARTICOLO NEL GIORNALE "LA NACION" DI BUENOS AIRES IL CUI TITOLO E' "UNO SCANDALO DI CORRUZIONE SCUOTE LA POLITICA ITALIANA", SCRITTO DALLA GIORNALISTA ELISABETTA PIQUE', IL SENATORE ESTEBAN JUAN CASELLI, ELETTO NELLA CIRCOSCRIZIONE DELL'AMERICA MERIDIONALE AL SENATO DELLA REPUBBLICA, DESIDERA ESPRIMERE ALCUNE CONSIDERAZIONI.
E' INNEGABILE CHE GLI SCANDALI DI CORRUZIONE CHE SCOPPIANO NELLE SOCIETA' NON FANNO BENE ALLA LORO CLASSE POLITICA NE TANTO MENO ALLE ISTITUZIONI.
COMUNQUE E' SEMPRE OPPORTUNO DISTINGUERE QUANDO SI TRATTA DI UN PARTITO POLITICO DETERMINATO IN QUANTO TALE A DELINQUERE O SE SI TRATTA DI UNO DEI SUOI INTEGRANTI IL QUALE, INFEDELE E SPREGIUDICATO, INFANGA L'INSIEME.
ED E' QUESTO PRECISAMENTE EL CASO DEL TESORIERE REGIONALE DEL PDL, FRANCO FIORITO, OGGI INDAGATO DALLA MAGISTRATURA PER APPROPIAZIONE INDEBITA - SECONDO UNA DENUNCIA - DI 800.000 EURO DESTINATI AL PARTITO.
IL REATO DI CORRUZIONE POTRA' EVENTUALMENTE ESSERE ATTRIBUITO AL FUNZIONARIO SLEALE , CERTAMENTE. MA NON A SILVIO BERLUSCONI . LUI E' IL PRESIDENTE DEL PARTITO MA,  LO SI PUO' CAPIRE DA SOLI,  NON E' IN GRADO  DI CONTROLLARE TUTTI, PRINCIPALMENTE QUANDO QUESTI DECIDONO INTIMAMENTE COME AGIRE.
IL POPOLO DELLA LIBERTA' NON E' D'ACCORDO CON QUESTI ATTEGIAMENTI ED IN QUESTO SENSO E' STATO MOLTO CHIARO IL SEGRETARIO POLITICO ANGELINO ALFANO  DICHIARANDO  "  NON FARE SCONTI A NESSUNO. NOI NON ABBIAMO NULLA A CHE FARE CON LADRI RUBAGALLINE. LE MELE MARCE DEVONO ESSERE SEMPRE MENO ANCHE ATTRAVERSO I CRITERI DI SELEZIONE DELLA CLASSE DIRIGENTE".
RICHIAMA FORTEMENTE LA NOSTRA ATTENZIONE LA VIRULENZA DEL TESTO DELLA CORRISPONDENTE ROMANA DEL QUOTIDIANO CHE CI PARLA DI "UNA ITALIA ALLA DERIVA", SOTTOLINEANDO , ANCORA UNA VOLTA, LE COSE NEGATIVE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E LASCIANDO LE TANTE POSITIVE CHE CE NE SONO, ANCHE IN QUESTO PERIODO DI CRISI PROFONDA, COME PER ESEMPIO LA ATTIVITA' INDUSTRIALE GIA' IN MOTO IN EMILIA,  MALGRADO IL TERRIBILE TERREMOTO CHE HA COLPITO IL NORD DEL PAESE.


       
SENATORE ESTEBAN JUAN CASELLI
ROMA, 21 SETTEMBRE 2012.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data anonimo, 23 Ottobre, 2012 10:22:51
    lecca...........del Cavaliere. Tornatene in Argentina, lì la corruzione è molto di più che in Italia.