Privacy Policy politicamentecorretto.com - CI: L'Italia senza case di lusso? Urgente revisione del Catasto

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CI: L'Italia senza case di lusso? Urgente revisione del Catasto

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


INTERROGAZIONE

 

Come preannunciato, il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera all'abolizione dell'Ici sulla prima casa. Non sono contraria a questo provvedimento, ma occorre capire meglio il contesto, visto che quanto non sarà intascato dai Comuni sarà rimborsato loro dallo Stato (2,6 miliardi di Euro). Se è vero che parte di questi introiti saranno garantiti dai versamenti degli immobili di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9), occorrerebbe sapere quanti sono sul territorio gli edifici appartenenti a queste categorie. 

Da un'indagine pubblicata sul Corriere della Sera del 6 giugno scorso, si apprende che il numero di questi fabbricati sarebbe largamente inferiore alla loro reale insistenza sul territorio. Solo per fare un esempio, in piazza di Spagna a Roma, solo un immobile risulta accatastato come A1, mentre in tutta la provincia di Roma ce ne sarebbero 2.124, contro i 4.455 (più del doppio!) della provincia di Genova.

E' chiaro che qualcosa non funziona come dovrebbe. Le rendite catastali evidentemente non corrispondono alla attuale configurazione del territorio e da questa situazione non può che derivare una iniqua disomogeneità nel trattamento fiscale dei cittadini a seconda di dove risiedono. Per queste ragioni, col Sen. Marco Perduca, ho depositato un'interrogazione al Ministro dell'Economia e della Finanze, per sapere se intenda verificare questa situazione e, qualora sussistesse, intenda intervenire per disporre la revisione delle categorie catastali sulla base di un piano di aggiornamento continuativo di rilevazioni sul territorio, coordinato a livello nazionale dall'Agenzia del Territorio.

Qui il testo dell'interrogazione:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=90

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)