Privacy Policy politicamentecorretto.com - Decimo Festival Internazionale della Fisarmonica Città di Massafra“Terra delle Gravine”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Decimo Festival Internazionale della Fisarmonica Città di Massafra“Terra delle Gravine”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Nino Bellinvia

 

 Si svolgerà dal 4 al 7 ottobre 2012, presso il Teatro Comunale diMassafra (Taranto), la decima edizione del Festival Internazionaledella Fisarmonica Città di Massafra “Terra delle Gravine”. E’organizzato e prodotto dal Centro Stabile di Arte & Cultura Agorà, incollaborazione con il Comune di Massafra - Assessorato alloSpettacolo, Regione Puglia, Conservatorio Statale di Musica “E. R.Duni” di Matera, Segmenti d’Arte, Associazione Culturale “La Giostra”e Circolo Filatelico “Antonio Rospo”. Un evento musicale, dedicato al suono della fisarmonica, conesibizioni di artisti affermati a livello internazionale e di giovanitalenti. Il Festival, nato nel 2002, è un progetto culturale diconoscenza e valorizzazione del patrimonio storico artistico culturaledel comprensorio jonico. Il presidente onorario dell’Associazione “Agorà”, Antonello Tannoia,ricorda che la manifestazione (la cui prima edizione si tenne nel2002), ha avuto una rapida e sempre crescente “evoluzione” che la vedeoggi “protagonista” tra i più importanti ed imponenti Festival difisarmonica internazionali. Ad accrescere l’interesse verso lamanifestazione è stato, sicuramente, il binomio “musica e conoscenzadel territorio” con le sue gravine e i suoi sapori mediterranei.Tannoia ringrazia coloro che hanno contribuito al successo, precisandoanche che il suo personale riconoscimento va ai soci dell’Associazione“Agorà” e, soprattutto, alla cittadinanza, per cui nel dare ilbenvenuto agli ospiti che animeranno il Festival, augura che la Cittàdi Massafra possa vivere un momento di cordiale incontro. Festival dedicato al suono della fisarmonica che ha riunito edattratto attorno a sé migliaia di spettatori, affezionati e curiosi,grazie all’esibizione, nel corso delle varie edizioni, di artistiaffermati a livello internazionale (affiancati da giovani talenti).Nelle precedenti edizioni del festival hanno partecipato i gruppifolkloristici Tradere I Giullari, Canzoniere Mottolese, e artisticome: Angel Louis Castano (Spagna), Giancarlo Caporilli, CesareChiacchiaretta, Pino Di Modugno, Alessandro Gazza, Domenico Giove,Rocco Errichetti, Daniele Rossi, Breda Horvat Gubler (Slovenia),Silvia Pagni, Vincenzo Caglioti, Massimiliano Morabito, Alessio Giove,Mario Stefano Pietrodarchi, Four for Tango, Massimiliano Pitocco,Gervasio Marcosignori, Giuliano Cameli, Wladimir Zubytsky (Ucraina),Corrado Medioli, Jean Louis Noton (Francia), Peter Soave (U.S.A.),Domi Emorine (Francia), Roman Jbanov (Russia), Popular Band, Taranta eProvince Ensamble, Claudio Di Muzio, Bruno Duranti, Duo Urgesi, MarcoPolidori, Ambrogio Sparagna, Beppe Servillo ed Angelo Piccoli. Anche per la decima edizione sarà rispettato l’atteso appuntamentocon la consegna del Premio “Alessandro Tannoia”, il riconoscimentoistituito nel 2003, in memoria di uno degli ideatori del Festival,negli anni assegnato a quanti, attraverso la propria opera, hanno datolustro al Paese contribuendo alla crescita arti-stica, culturale,economica e sociale. Nel corso della serata inaugurale (4 ottobre, ore 20.30) la consegnadel Premio “Alessandro Tannoia” e concerto dell’Orchestra Popolare“Agorà città di Massafra”. Venerdì 5 ottobre (ore 20.30) ConcertoFisarmonica Varietè con il M° Antonio Mancini. Sabato, invece (iniziosempre alle ore 20.30), Concerto di Fisarmonica di Dario Marchese &Guido Ferrarese. Domenica, 7 ottobre, la serata finale con Concerto diFisarmonica Jazz del M° Tiziano Chiapelli. Al Festival hanno datol’adesione le note ditte di fisarmonica “Stocco Music” e “CooperfisaFisarmoniche”. Il dott. Antonio Viesti (vice sindaco ed Assessore allo spettacolodel Comune di Massafra), ha fra l’altro detto: “Sono certo che anchequest’anno assisteremo ad una edizione del Festival Internazionaledella Fisarmonica interessante e capace di riscuotere unanimi consensidi pubblico e di critica. È stata compresa l’importanza del binomiomusica-bellezze artistiche e architettoniche che esercita sempre ungrande fascino sui turisti italiano e stranieri. Si è rivelata,pertanto, vincente da parte dell’amministrazione comunale di Massafrala scelta di ospitare questo evento artistico-culturale cherappresenta, senza dubbio, uno strumento di crescita per ilterritorio. Un caloroso benvenuto a tutti i protagonisti della Decimaedizione del Festival Internazionale della Fisarmonica Città diMassafra nella “Terra delle gravine”, sempre calda ed ospitale, con lamagia dei suoi colori e la bontà dei suoi sapori mediterranei”. Da ricordare uno degli “artisti” di ogni edizione dellamanifestazione: Nicola Andreace. Sin dall’inizio, ha disegnatol’imponente scenografia, l’immagine del Premio e i Manifesti e portaannualmente avanti la sua ricerca espressiva, realizzando visionigrafico-pittoriche simultanee, in cui, attraverso una stratificazione,personaggi, elementi della nostra storia e luoghi simbolo dellacittà, vengono associati ai sentimenti, ai ricordi. I suoi frammentidi realtà, quasi seguendo uno svolgimento filmico, sembra raccontinouna storia senza tempo pur fissata nell'immobilità di un’elegantecomposizione armonicamente costruita, caratterizzata da un trattosemplice e immediato mai disgiunto dal vigore creativo. Anche inoccasione del Decimo Festival Internazionale della Fisarmonica, Cittàdi Massafra - Terra delle Gravine 2002-2012, Andreace, ha ideato erealizzato il “Manifesto”, nel quale, attraverso variazioniprospettiche, ha creato atmosfere quasi oniriche, dove il tempo sembrasospeso. “Sul palcoscenico della celebrazione del Festival, tra gli elementipeculiari del territorio (panorama di Massafra, muro a secco, fichid’india), in un gioco cromatico, la MUSICA (come ci ha detto), sospesatra suggestioni uditive e reale evocativo, vola con il fascinomagnetico delle sue variazioni sonore, saldate tra loro da un’unitàspirituale, che crea nell’orchestra e nel pubblico un feeling musicalee sensoriale, un coinvolgimento emotivo, una tensione intima,un’atmosfera che con forza gioiosa sospinge l’immaginazione versomomenti e personaggi del passato”.

Nella foto l’artistico manifesto.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)