Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laratta al Ministro della Salute: “Questione precari della sanità in Calabria: La Regione e l’Asp fuggono dalle loro responsabilità e gli ospedali rischiano il collasso”!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laratta al Ministro della Salute: “Questione precari della sanità in Calabria: La Regione e l’Asp fuggono dalle loro responsabilità e gli ospedali rischiano il collasso”!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Nuovo intervento dell’ on Franco Laratta sul Governo in merito alla scottante questione dei precari nella sanità calabrese.  Segnalate le manifestazioni di protesta presso l’Asp di Cosenza. Mentre dalla regione Calabria non arrivano risposte.

Intanto sono in scadenza i contratti dei 1135 medici, dei 490 operatori sanitari e dei 41 lavoratori interinali dell' Azienda sanitaria di Cosenza. Un recente parere dell'avvocatura regionale mette a rischio i vincitori di concorso, stabilizzati nel 2008/09, i quali potrebbero perdere il posto di lavoro dopo circa 10-15 anni di attività nel settore.

E’ a tutti noto il fatto che è sui precari che si regge il lavoro di interi reparti delle diverse strutture sanitarie calabresi. Senza di loro, il sistema sanitario calabrese potrebbe non garantire più i Livelli essenziali di assistenza. E c’è anche il rischio chisura per diversi Reparti ospedalieri

L’on Laratta ha chiesto al Ministro della Salute, prof Balduzzi, un intervento urgente sul Commissario Scopelliti, consideranto che sta diventando sempre più complicato in Calabria garantire ai cittadini i Livelli Essenziali di Assistenza.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)