Privacy Policy politicamentecorretto.com - Primarie, Garavini (PD): "Un'occasione per rilanciare la partecipazione democratica"‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Primarie, Garavini (PD): "Un'occasione per rilanciare la partecipazione democratica"‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Con il Circolo PD di Londra per discutere delle primarie del centrosinistra

Primarie, Garavini (PD): “Un’occasione per rilanciare la partecipazione democratica”

 

“Le primarie sono un’importante occasione per garantire la partecipazione democratica. Sono un’occasione di confronto che rafforza la passione e l’impegno politico di tutti in Italia e all’estero”. Lo ha detto Laura Garavini, deputata del Partito Democratico eletta nella Circoscrizione Europa, incontrando al King’s College gli iscritti e i simpatizzanti del Circolo PD di Londra.

 

“Sabato, all’assemblea dei delegati del Partito Democratico, ci daremo delle regole, volte a garantire il corretto svolgimento delle primarie e a impedirne gli abusi”, ha spiegato la deputata PD. “E’ plausibile che per potersi candidare saranno necessarie le firme di 18'000 iscritti o di 90 delegati e che le primarie saranno a doppio turno, nel caso nessun candidato abbia raccolto più del 50% dei consensi al primo. Per evitare che ci siano abusi o infiltrazioni da parte di chi non si riconosce nel centrosinistra, si pensa all’introduzione di un albo degli elettori ed, eventualmente, a una preiscrizione obbligatoria. Così siamo sicuri che chi vota è realmente interessato a fare vincere il centrosinistra e non a indebolirlo”.

 

“Anche tra gli italiani all’estero, le primarie sono un passaggio democratico molto sentito”, ha concluso Laura Garavini. “Una volta che avremo definito le regole generali, dobbiamo individuare immediatamente gli strumenti che, in totale sicurezza, assicurino la più ampia partecipazione anche degli italiani nel mondo”.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data CarmineGonnella, 07 Ottobre, 2012 10:06:27
    State giocando con la nostra Democrazia e Costituzione, vi preghere di leggerla ogni tanto. La nostra prevede ancora la segretezza del voto e certamente non prevede ne' il doppio turno alla francese tanto meno primarie stile americano Vi consiglierei prima di cambiare la Costituzione...