Privacy Policy politicamentecorretto.com - On. Antonio Razzi (Popolo e Territorio): Interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Interno: nello specifico riguardo al concorso per la copertura del 40 per cento delle carenze nel profilo professionale di capo squadra(Vigili fuoco)

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On. Antonio Razzi (Popolo e Territorio): Interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Interno: nello specifico riguardo al concorso per la copertura del 40 per cento delle carenze nel profilo professionale di capo squadra(Vigili fuoco)

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Roma 17 ottobre 2012. L’on. Antonio Razzi ha presentato una interrogazione a risposta scritta al ministro del’Interno circa una procedura concorsuale che ha danneggiato il 40% degli aventi diritto.  Il provvedimento ha assegnato i posti suddetti a capo reparto ai capi squadra 2009 saltando inopinatamente un anno creando un danno ingiusto contro il quale è stato presentato ricorso alla giustizia amministrativa. Provvedimento non conforme al dettato legislativo  che impone, l'assegnazione dei posti a concorso del 1o gennaio 2007 a capo reparto ai capi squadra 1o gennaio 2008 cioè all’anno immediatamente seguente. «Si tratta di una ingiustizia che procura un danno ingiusto al 40% degli aventi diritto per i quali sarà necessario trovare una soluzione al più presto. Spero che la risposta del Ministro sia positiva e proponga una dislocazione consona alle aspettative in maniera tale da non insistere sul ricorso al TAR che ne rallenterebbe tutto l’iter.

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18116

presentata da

ANTONIO RAZZI

martedì 16 ottobre 2012, seduta n.704

 RAZZI. -

Al Ministro dell'interno.

 - Per sapere - premesso che:

con la trasformazione del rapporto d'impiego da privato in pubblicistico (legge n. 42 del 2004 e decreto legislativo n. 217 del 2005) sono state emanate nuove norme per il passaggio di qualifica a capo reparto e capo squadra nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

 attraverso tale procedura dovevano essere snellite le lunghe e farraginose procedure per ripianare le fortissime carenze nei due importanti profili professionali che al momento sono di circa 1500 unità nel profilo di capo reparto e 2000 circa nel profilo di capo squadra. La procedura prevede la copertura delle carenze determinate al 31 dicembre dell'anno precedente con un bando di concorso al 1o gennaio dell'anno successivo. Esso si divide in due sottoprocedure: la copertura nella misura del 60 per cento dei posti vacanti per anzianità e titoli e la copertura nella misura del 40 per cento dei posti per concorso;

 nell'effettuazione delle prime procedure per la copertura dei posti disponibili al 1o gennaio 2006 emersero tutte le problematiche reali rispetto lo spirito di riduzione delle procedure cui s'ispirava la procedura;

nello specifico riguardo al concorso per la copertura del 40 per cento delle carenze nel profilo professionale di capo squadra (concorso 40 per cento del 1o gennaio 2007) vennero presentati dei ricorsi;

i soggetti danneggiati nella misura del 40 per cento si trovano esclusi dalla previsione di legge che impone, l'assegnazione dei posti a concorso del 1o gennaio 2007 a capo reparto ai capi squadra 1o gennaio 2008;

in apparente contrasto con tale disposizione sono stati assegnati i posti suddetti a capo reparto ai capi squadra 2009 saltando inopinatamente un anno creando un danno ingiusto contro il quale è stato presentato ricorso alla giustizia amministrativa;

rebus sic stantibus il 40 per cento suddetto si trova ingiustamente estromesso dal diritto sancito per legge :

se il Ministro interrogato non ritenga opportuno, necessario ed urgente intervenire quanto prima a sanare una situazione di fatto che danneggia gravemente il 40 per cento degli aventi diritto procurando loro un danno ingiusto, e non ritenga opportuno assumere un'iniziativa per un'integrazione trovando loro una dislocazione consona al dettato legislativo in vigore risolvendo in questo modo anche il blocco che il ricorso amministrativo in atto cagionerà a tutta la procedura.

 (4-18116)

On. Antonio Razzi
Via Uffici del vicario, 21
00186 Roma
Tel. +39-06/67608166 Fax +39-06/67608750
E-mail: razzi_a@camera.it
Sito: http://www.antoniorazzi.eu

Invia commento comment Commenti (0 inviato)