Privacy Policy politicamentecorretto.com - Franco Laratta al Governo: Dalle zone terremotate del Pollino chiedono aiuto. Da soli non ce la possono fare e la situazione si fa sempre più grave!‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Franco Laratta al Governo: Dalle zone terremotate del Pollino chiedono aiuto. Da soli non ce la possono fare e la situazione si fa sempre più grave!‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

L'allarme del sindaco di Mormanno: "Servono interventi urgenti" L'on Franco Laratta ha chiesto al Governo interventi urgenti per il Pollino. Al sig. Presidente del consiglio,in seguito al terremoto che ha colpito nei giorni scorsi la zona delPollino, la situazione nei comuni interessati si fa sempre piùpesante. L'immediata presenza sul posto delle squadre dellaProtezione civile, insieme a tutte le altre forze dello stato, deglienti locali e del volontariato, hanno contribuito a sostenere lepopolazioni colpite. E la loro presenza è davvero preziosa in questomomento.Ma dopo i primi giorni, vista anche la violenta ondata di maltempo eil ripetersi incessante di scosse sismiche, il sindaco di Mormanno(Cs), ha lanciato stamane l'allarme: «Stiamo valutando, con gli altrisindaci della zona, un'azione forte. Non possiamo essere abbandonati».Guglielmo Armentano, sindaco di Mormanno, uno dei paesi del Pollinopiù colpiti dalla scossa di magnitudo 5 di venerdì scorso, si èespresso con molta preoccupazione: «Stamani ho dovuto chiudere ilsupermercato nella piazza centrale del paese. Le case inagibili, nelcentro, sono una trentina e sono chiuse otto chiese su 10. Per nonparlare dell'ospedale, sul quale occorreranno accertamenti cherichiederanno tempo. Qui il paese rischia di chiudere. Da soli non cela facciamo».Il sindaco prosegue: «Non possiamo fermarci alle buone intenzioni. LaGiunta Regionale deve trovare il modo di intervenire. Stamani hoincontrato una famiglia con padre, madre e tre figli. Uno di loro vivea Roma e stamani il capofamiglia mi ha detto che a questo punto stannopensando di trasferirsi tutti nella Capitale. Anche perché la terracontinua a tremare, notte e giorno»!Dal Pollino molta gente sembra intenzionata ad andare via, moltivivono nella paura e trascorrono le notti nelle automobili. Lamancanza di prospettive certe e di interventi immediati sta provocandoun senso di amarezza e la paura di essere abbandonati dalleistituzioni. Anche in considerazione di uno sciame sismico infinito:nella notte tra lunedì e martedì la terra ha tremato alle 18.01, alle21.57, alle 0.24, alle 3.24, alle 5.12 e alle 5.55. Il picco diintensità ha raggiunto 2.6, tale da essere avvertita dalla popolazione  Chiediamo quindi al Governo se sia a conoscenza delle condizioni in cui versano le zone delPollino dopo il terremoto dei giorni scorsi e lo sciame sismico chedura ormai da due anni;se sia a conoscenza delle condizioni assai gravi in cui versa ilcomune di Mormanno (Cs) dove si registrano gravi danni al patrimonioabitativo, all'ospedale, al mercato, al patrimonioartistico-culturale;che cosa intenda fare per ridare sicurezza alle popolazioni colpite ecertezza di interventi rapidi e urgente.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)