Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Per una lotta comune ed efficace alle mafie, migliorare il testo della Direttiva UE in materia di confische”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Per una lotta comune ed efficace alle mafie, migliorare il testo della Direttiva UE in materia di confische”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Le mafie non sono più un problema da combattere solo a casa nostra, ma sempre di più a livello internazionale. Ecco perché la direttiva UE in materia di confische, attualmente all'ordine del giorno del Parlamento Europeo, può essere uno strumento molto importante nel contrasto alla criminalità organizzata. Proprio per questo, però, è necessario migliorarla in diverse sue parti, onde evitare che nel tentativo di perseguire un’armonizzazione legislativa, si compiano pericolosi livellamenti al ribasso, che rischiano di compromettere seriamente la lotta alle mafie”. Lo ha detto Laura Garavini intervenendo in commissione antimafia davanti ai deputati europei componenti del CRIM: la Commissione Antimafia istituita presso il Parlamento Europeo, in visita a Roma.

 

“Il testo attualmente in esame rappresenta un passo indietro non solo rispetto alla legislazione di alcuni paesi, ma anche rispetto a quanto già raggiunto a livello europeo tramite importanti decisioni quadro, spesso però non ancora recepite dagli Stati membri. Mi riferisco ad esempio al reciproco riconoscimento delle sentenze di confisca, o all'introduzione di organi ispettivi europei che prevedano la possibilità di consultare le rispettive banche dati, o ancora alla possibilità di perseguire penalmente le persone giuridiche. La diffusione dei fenomeni criminali a livello europeo, soprattutto attraverso l'inquinamento dell'economia legale, rendono urgente la rettifica e la celere approvazione della direttiva europea in questione”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)