Privacy Policy politicamentecorretto.com - L'austerità peggiora l'economia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L'austerità peggiora l'economia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Fassina: "Il Governo eviti l'aumento dell'Iva e sostenga le famiglie in difficoltà. Dati confermano che l'austerità peggiora l'economia".
di Stefano Fassina,  pubblicato il 5 novembre 2012 , 305 letture
 inShare.0 “Le previsioni sull'economia italiana pubblicate oggi dall'Istat, pur ottimistiche in relazione alle più recenti e realistiche previsioni di consenso, confermano la gravità delle condizioni dell'economia reale, dei lavoratori, delle imprese e delle famiglie. Purtroppo, è sempre più evidente che, nell'euro zona e inevitabilmente in Italia, siamo prigionieri di una spirale soffocante dove manovre pesantemente restrittive di finanza pubblica aggravano la recessione e la disoccupazione e determinano l'aumento del debito pubblico”. Lo dichiara Stefano Fassina responsabile Economia e Lavoro del Partito Democratico.

“Insistere lungo la strada mercantilista dell'austerità cieca e della svalutazione del lavoro peggiora, in tutta Europa, le condizioni economiche e sociali e allarga lo spazio alla disperazione e ai populismi. È necessario cambiare rotta nell'euro-zona e il governo – aggiunge Fassina - dovrebbe incominciare a riconoscere il problema. È necessario costruire una fiscal union, dotata anche di un super commissario europeo, per avviare politiche anti-cicliche, investimenti finanziati da project-bonds, così da sostenere la domanda e ridurre gli squilibri macro-economici tra le aree della moneta unica. È necessario mettere al centro dell'agenda politica lo sviluppo, il lavoro e l'equità per ridurre il debito pubblico. La drammatica caduta della domanda interna in atto e prevista dovrebbe indurre il governo a evitare l'aumento dell'Iva anche per l'aliquota del 21%, eliminare franchigie e tetti alle detrazioni e deduzioni Irpef e concentrare le poche risorse disponibili per sostenere i consumi delle famiglie più in difficoltà”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)