Privacy Policy politicamentecorretto.com - STABILITA’ – DI BIAGIO (FLI), IN NOTTATA RICONOSCIUTE DETRAZIONI CARICHI DI FAMIGLIA ESTERO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

STABILITA’ – DI BIAGIO (FLI), IN NOTTATA RICONOSCIUTE DETRAZIONI CARICHI DI FAMIGLIA ESTERO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Roma, 15 novembre 2012 – “La legge di stabilità di quest’anno è stata ancora più dura delle altre maratone di bilancio a cui sono abituato da quattro anni, ma dopo ore di confronti, rimaneggiamenti e approfondimenti è stato approvato in tarda notte l’emendamento che estende anche al 2013 il riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai lavoratori italiani all’estero. Una vittoria strappata con le unghie e con i denti in condizioni che certamente non promettevano bene”. Lo dichiara in una nota Aldo Di Biagio, Fli. “L’emendamento è stato riformulato dal relatore che ha inteso cambiare la copertura finanziaria rispetto a quella da me individuata – spiega – ma l’importante è che si è rinnovata anche quest’anno la tutela di un diritto dinanzi al quale non esistono deroghe ma soltanto buonsenso”. “Il lavoro è stato duro, supportato anche dai colleghi del Pd, soprattutto nelle fasi di confronto con i relatori del provvedimento che hanno compreso la rilevanza di questa misura e il carattere eccezionale del sostegno economico che questa rappresenta per molti cittadini che lavorano per l’Italia all’estero”. “In un provvedimento in cui si è inteso incrementare le detrazioni per dare sostegno alle famiglie italiane in un momento di crisi, - spiega – il Governo non poteva dimenticarsi di circa 6mila italiani che producono reddito in Italia, depennando le loro detrazioni. Per una questione di coerenza e di inderogabile uguaglianza al fine di non discriminare alcun cittadino sia che esso viva in Italia o fuori dai suoi confini, è stato per noi imprescindibile garantire anche ai nostri lavoratori all’estero il riconoscimento anche per quest’anno delle detrazioni per carichi di famiglia, nell’auspicio che negli anni a venire ci siano le condizioni economiche per legittimarne un beneficio sine die”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)