Privacy Policy politicamentecorretto.com - Un sistema elettorale più solido del nostro

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Un sistema elettorale più solido del nostro

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Questa è una lezione. La “caotica” Grecia si regge su un sistema democratico molto solido, molto più solido del nostro. La nuova legge elettorale ha deciso di assegnare al primo partito 152 deputati, per cui, secondo un ragionamento “all’italiana”, il governo Karamanlis è un governo “debole”. Nulla di più errato. 152 deputati di Nuova Democrazia siedono in Parlamento e 152 saranno i voti favorevoli al governo. Ad Atene non conoscono la parola “trasformismo”. Quel politico che esce dal partito, sia esso ND o Pasok, e fonda un nuovo partito è destinato a scomparire: non gli permette la sopravvivenza sia la soglia di sbarramento del 3% sia l’opinione pubblica. Jorgos  Papandreu, leader dei socialisti, ha perso le elezioni. Nella stessa serata di domenica ha chiesto al partito il rinnovo della fiducia e si sta preparando a confrontarsi con un avversario, Evanghelos Venizelos. È quasi certo che sarà quest’ultimo ad essere eletto nuovo presidente del partito. La stessa prassi era avvenuta per Nuova Democrazia quando venne eletto Kostas Karamanlis, dopo la sconfitta del 1996.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)