Privacy Policy politicamentecorretto.com - Class Action. Bene il rinvio di una legge fatta male

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Class Action. Bene il rinvio di una legge fatta male

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


Class Action. Bene il rinvio di una legge fatta male, ma non sia motivo per eludere affermazione ed esercizio del diritto all'azione collettiva

 

Non ha torto il ministro Claudio Scajola quando dice che l'attuale normativa sulla class action e' impraticabile per certi aspetti e questi ultimi vanno rivisti a tutela del consumatore. Potrebbe pero' passare dalla ragione alla beffa se le sue affermazioni fossero solo un tentativo per assecondare le richieste del presidente di Confindustria e, nel contempo, eludere affermazione e diritto al diritto all'azione collettiva.
La legge che dovrebbe entrare in vigore a luglio e' molto carente. Ha solo un pregio: introduce il concetto di class action nel nostro ordinamento. Per il resto e' solo uno schiaffo alla Costituzione (non tutti i cittadini possono promuoverla) e un invito a non utilizzarla (l'eventuale sentenza favorevole del giudice e' solo il preambolo per cause civili individuali –coi tempi jurassici di questi procedimenti- per ottenere il risarcimento).
In proposito, grazie alla collaborazione dell'Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori) ho gia' depositato un disegno di legge che, coi dovuti accorgimenti, si rifa' al rito americano di questo procedimento (1).
Bisognera' quindi prestare molta attenzione perche' il Governo indichi una scadenza entro la quale le nuove norme devono diventare operative, altrimenti c'e' poco da fidarsi: e' bene ricordare che l'attuale maggioranza di Governo, nella passata legislatura, oltre a non aver votato la normativa sulla class action che oggi viene sospesa, non aveva presentato nessun progetto di legge in merito. Un dato di fatto che rende poco incisive le parole di oggi del ministro Scajola, quando dice di voler meglio tutelare quel consumatore che proprio il suo schieramento aveva ignorato in una legislatura, tra l'altro, in cui una normativa del genere avrebbe potuto vedere la luce in modo bipartisan... cosi' come potrebbe essere anche in questa legislatura.

(1) http://blog.donatellaporetti.it/?p=4

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)