Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini (PD) ospite a Marcinelle della Regione Friuli-Venezia Giulia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini (PD) ospite a Marcinelle della Regione Friuli-Venezia Giulia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Garavini (PD): “Puntare al futuro, partendo dal valore del passato”


 


 
 
“E’ significativo che la regione Friuli–Venezia Giulia scelga un luogo dal valore simbolico così straordinario come Marcinelle per inaugurare la mostra ‘In viaggio’, dedicata all’emigrazione friulana”. Lo ha detto Laura Garavini, parlamentare del Partito Democratico eletta nella circoscrizione Europa, inaugurando la mostra fotografica promossa dalla Regione Friuli – Venezia Giulia e curata dall’ERAPLE, l’Associazione di emigranti capofila dell'iniziativa.
 
 
 
“In questi tempi, in cui le nostre terre subiscono nuovamente fenomeni migratori legati alle sempre più frequenti partenze di giovani in cerca di lavoro, Marcinelle serve da monito. Ci ricorda quanto sia necessario continuare ad impegnarci per la tutela dei diritti: prima di tutto il diritto alla salute, alla sicurezza, al lavoro, all'integrazione, alla cittadinanza, a migliori condizioni di vita, a un futuro migliore. Sono diritti da difendere in Italia, in Belgio e anche a livello europeo”.


 
“Un grazie di cuore agli organizzatori”, ha concluso la parlamentare, “e anche ai numerosi partecipanti. È un piacere notare quanti amministratori facciano parte della delegazione italiana, e si rendano disponibili a curare gemellaggi e rapporti di amicizia con i sindaci belgi. Questa è una ricchezza, perché consente di affiancare la progettualità per il futuro alla cura della memoria. Così si può aiutare i nostri territori e costruire un’Europa che tuteli i diritti e offra le più moderne opportunità”.
 
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)