Privacy Policy politicamentecorretto.com - La rivolta dei profughi di Amantea (CS). L'on Franco Laratta interroga il Governo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La rivolta dei profughi di Amantea (CS). L'on Franco Laratta interroga il Governo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

La rivolta dei profughi di Amantea (CS). L'on Franco Laratta al Governo: "I Comuni sono stati lasciati da soli a gestire una vera e propria emergenza. Il rischio è che la rivolta coinvolga tutti i Centri di Accoglienza della Calabria. Stiamo segnalando da mesi i rischi che si corrono. Ma registriamo solo silenzi e indifferenza".

"La vicenda di Amantea è una spia di quello che potrebbe ancora accadere! Si tratta di un fatto gravissimo, che colpisce una città che è sempre stata aperta e accogliente. Oggi è stata messa a soqquadro da decine di profughi ospitati in un albergo adibito a CARA. Gli immigrati hanno bloccato le strade, paralizzando la città, e si sono poi recati presso la vicina linea ferroviaria Salerno-Reggio, causando notevoli ritardi ai convogli.
La situazione al Cara di Amantea è molto grave. Da molti mesi stiamo segnalando al governo tutti i rischi che si corrono se non si fanno scelte decise e indispensabili.  La città di Amantea è stata lasciata da sola.  Oggi, solo il rapido e risolutivo intervento dei Carabinieri ha evitato il peggio.  Ma non è possibile continuare in queste condizioni. Occorrono misure adeguate che solo il Governo può adottare. Tutti i centri della Calabria che ospitano profughi e immigrati sono ormai al limite: si rischia una rivolta a catena che potrebbe avere conseguenze drammatiche"!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)