Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ALEMANNO NON GOVERNI ROMA DA SOLO E COINVOLGA TUTTE LE FORZE POLITICHE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 "La gestione Veltroni è stata contraddistinta da molti sprechi, ma non si può dimenticare, nell'analizzare la situazione del bilancio della città, il problema strutturale romano. O Alemanno coinvolge la città e le forze sociali, imprenditoriali e politiche, oppure non andrà lontano, e le incertezze di oggi si ripresenteranno appena finiti i 500 milioni di euro, con l'aggravante dei problemi di cassa che arriveranno da luglio in poi, quando il gettito di entrate fresche dell'Ici non ci sarà più". E' quanto dichiara, in una nota, il deputato dell'Unione di Centro, Luciano Ciocchetti. "Roma - afferma l'esponente centrista - ha bisogno di modernizzazione, di un nuovo rapporto tra pubblico e privato, di diventare città metropolitana insieme ai comuni della provincia in una regione Lazio a statuto speciale. Dal punto di vista economico ha bisogno di vedersi riconosciuta definitivamente nel suo ruolo di capitale d'Italia, che non le è riconosciuto fin dal dopoguerra". "Alemanno - continua il deputato Udc - si erge invece a uomo solo al comando: pensa di risolvere il problema del deficit del Comune di Roma attraverso l'esautoramento dei pochi poteri rimasti al Consiglio Comunale, portando in capo al sindaco tutti i poteri, come fosse un Governatore e non un uomo eletto ai cittadini. Sul piano politico ha scelto la strada della compravendita dei singoli consiglieri, invece di ragionare con le forze politiche". "Il sindaco Alemanno - conclude Ciocchetti - dimostri lungimiranza: faccia davvero diventare Roma un laboratorio politico. Non si può governare Roma da soli: il rischio è di rinviare il dissesto solo di qualche anno".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)