Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Il diavolo veste mafia": Alessandro Chetta spiega come "il merchandis​ing sui criminali annulla bene e male".

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Su internet come nelle bancarelle magliette, spille, felpe, peluche, stickers, poster politicamente scorretti riportano immagini o frasi riferite a criminali immaginari o reali, a nemici politici e terroristi. In un viaggio nel mondo dei rebel chic il giornalista Alessandro Chetta nell'ebook "Il diavolo veste mafia" (Malitalia, 731,4 KB, € 5,99, link booktrailer: http://www.youtube.com/watch?v=ojmBLTWfsfA&list=FLOL0891kGQtxPr5tKNASxfQ) indaga tale diffuso merchandising e in un'intervista concessa a www.fattitaliani.it spiega nel dettaglio: "Il focus del libro però investe un campo di valori e disvalori (criminali, mafie, terroristi, ecc.) che ad un primo impatto non lascia indifferenti. Quindi, l'incontro tra un bene a-morale come una t-shirt e un quid immorale come la faccia dello stragista Breivik ci appare in un primo momento repellente. Il lavoro sociale, io scrivo di "pastorizzazione", che nel tempo abbatte o mitiga il tabù Breivik e lo rende commerciabile negli store online determina una cosa ben precisa: rende a-morale ciò che prima era detestabile. Quindi annulla bene e male. Per l'acquirente non cambia nulla se sulla t-shirt c'è lo stragista o Nelson Mandela. Un processo che ritengo un tantino inquietante". E continua: ""Credo che ci siano giovani consapevoli e quindi felici, contenti loro, di trasgredire a buon mercato. E giovani inconsapevoli nel senso che pur sapendo genericamente che la camorra è "male" non ci pensano due volte a concedere un "mi piace" al gruppo Facebook che inneggia ai clan. La realtà restituita da uno schermo è depotenziata e i ragazzi deresponsabilizzati. Il corto circuito però può avere conseguenze pericolose nelle scelte di ogni giorno". Nel corso della sua indagine una cosa ha colpito particolarmente Chetta: "stickers in vendita con la scritta "Israel kills". Al di là del messaggio era la presentazione a suonare grottesca. "Un pacco da cento stickers a soli 6 euro, approfittate". Sembrava vendesse shampoo o lamette da barba. Il vero annullamento del bene e del male avviene in primis nel modo in cui vendi questo tipo di merchandising, e cioè in una maniera che in nulla si distingue dai prodotti normali".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)