Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Un segnale positivo per gli italiani in Spagna"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Un segnale positivo per gli italiani in Spagna"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


Il 4 e il 5 marzo un funzionario del Consolato sarà a Las Palmas e a Tenerife
 
Garavini (PD): „Un segnale positivo per gli italiani in Spagna”
 
 
 
„Un’ottima notizia per gli italiani residenti alle isole Canarie. Il 4 e il 5 marzo un funzionario del Consolato sarà a Las Palmas e a Tenerife per raccogliere le impronte per il rilascio dei passaporti. L’Ambasciata di Madrid ha ascoltato le richieste della nostra comunità che, anche per rinnovare un documento d’identità, era costretta a percorrere più di 3000 chilometri e a spendere più di 400 euro per il viaggio”. Lo annuncia Laura Garavini, capolista del Partito Democratico nella Circoscrizione Europa e deputata uscente, che sulla questione si è mobilitata presentando, tra l'altro, un’interrogazione parlamentare al Ministro degli Affari esteri.


 
“I servizi consolari sono necessari e vanno garantiti a tutti i cittadini”, aggiunge Laura Garavini. “La soluzione del funzionario itinerante  è un esempio di ‘razionalizzazione della spesa’. Con un investimento tutto sommato contenuto, molte pratiche possono essere evase in pochi giorni e, con un unico viaggio del funzionario, centinaia di cittadini risparmiano il costo del biglietto e del soggiorno a Madrid”.
 
 
 
“Auspico che le missioni alle isole Canarie vengano rinnovate regolarmente”, e secondo Laura Garavini, “la soluzione del funzionario itinerante va attivata anche in favore di altre comunità isolate in Europa; soprattutto per quelle fortemente penalizzate dalle chiusure dei Consolati previste dal Governo Berlusconi”.
 
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)