Privacy Policy politicamentecorretto.com - LE PRIORITA' DI SCIENZA E VITA? IO PREFERISCO GUARDARE A QUELLE DEGLI ITALIANI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LE PRIORITA' DI SCIENZA E VITA? IO PREFERISCO GUARDARE A QUELLE DEGLI ITALIANI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Se scienza e vita si fa portavoce di una cultura che fa esplicito riferimento a quella cattolica apostolica romana, proponendo in 10 punti al Governo e all'opposizione le sue priorita', mi auguro che il Parlamento e il Governo si facciano promotori di leggi che possano essere utili e utilizzabili dai cittadini italiani che siano cattolici, ebrei, mussulmani, atei, agnostici o quant'altro.
Personalmente vorrei evitare di farmi dettare l'agenda politica da Scienza e Vita e non certo perche' i temi della ricerca, dell'aborto, della fecondazione assistita e dell'eutanasia non siano anche temi su cui da anni sono impegnata, tantomeno vorrei che mi venissero dettate le soluzioni.
Per quanto riguarda le soluzioni, infatti, si potrebbero riassumere come il decalogo della aridita' scientifica in salsa vaticana. Un buon metodo per confermare il nostro Paese come fanalino di coda, nell'Ue e nel mondo, per ricerca scientifica e rispetto dei diritti degli individui. Una antistorica candidatura per il nostro Paese a divenire capofila della minoranza europea contro la ricerca sulle staminali embrionali, ricerca che tutti i Paesi considerano fondamentale e di fronte alla quale solo le
minoranze religiose fortemente criptiche riescono ancora a manifestare avversione. Un inno alla continuita' dell'aborto clandestino, come ancora oggi si scopre (vedi Napoli e l'arresto di tre medici), perche' l'aborto reso medicalmente difficile ostacolando il ricorso a quello farmacologico (Ru486) non e', come si illudono, un metodo per indurre le donne a non praticarlo, ma solo un ottimo metodo per stimolare quelle piu' deboli (giovanissime ed immigrate) a praticarlo clandestinamente; il metodo per far diminuire gli aborti c'e', ma loro non lo considerano perche' hanno paura della capacita' degli individui di essere liberi con se stessi: contraccezione "tradizionale" e d'urgenza (pillola del giorno dopo).
Liberta' di coscienza dei sanitari, si chiede nel decalogo... quale? Quella che viene praticata come violazione dei diritti dei pazienti, come gia' accade con l'obiezione di coscienza e la clandestinita' di questa pratica in buona parte del sistema sanitario?

Invia commento comment Commenti (0 inviato)