Privacy Policy politicamentecorretto.com - Studenti italiani e tedeschi hanno visitato tre aziende di Castellaneta

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Studenti italiani e tedeschi hanno visitato tre aziende di Castellaneta

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


La Cia, Confederazione Italiana Agricoltori del Comprensorio Occidentale, Nei giorni scorsi La Cia, Confederazione Italiana Agricoltori del Comprensorio Occidentale, ha organizzato una visita a tre aziende agricole del territorio di Castellaneta con un gruppo di studenti tedeschi che aveva realizzato un gemellaggio con studenti italiani. La delegazione degli studenti tedeschi del liceo “Gutenberg” di Bergheim erano accompagnati dalle docenti Claudia Ottem e Ursula Decheéne, mentre gli studenti italiani dell’I.I.S.S.“Orazio Flacco” di Castellaneta erano accompagnati dalle docenti Maria Rosaria De Vincenzo e Angela Stasolla.
La prima visita si è svolta presso l’azienda zootecnica “Masseria Prichicca” dei fratelli Stano, che possiede un allevamento bovino di oltre 370 capi di razze diverse. E’ stato curioso vedere i ragazzi che cercavano di tapparsi o coprirsi il naso perché non abituati ai forti odori della stalla. La visita è proseguita  nella zona riservata ai vitelli nati da qualche giorno o addirittura da poche ore e di seguito nella zona dove avviene la preparazione degli alimenti con il carro miscelatore, che provvede successivamente a distribuire la razione alimentare prodotta, nella corsia della stalla con nelle vicinanze della stalla una quantità notevole di rotoballe di paglia e foraggio. In altri locali sono stati mostrati i box dove avviene la mungitura e il percorso che il latte compie prima di raggiungere i serbatoi (contenitori refrigerati per la conservazione), in attesa di essere prelevato dai camion per il trasporto al caseificio.
La seconda visita è stata alla società agricola “Le Grotte di Sileno” (una superficie di 27 ettari coltivati ad olivo, vite e seminativo). ubicata  in contrada Le Grotte. Gli studenti hanno potuto ammirare gli ulivi secolari molto belli e maestosi che fanno da cornice al sito archeologico scoperto di recente a seguito degli scavi fatti per il metanodotto. Ulivi definiti monumentali dalla Regione Puglia, vere e proprie sculture viventi dal fascino particolare che nulla hanno da invidiare ai monumenti storici delle nostre città. In azienda, una archeologa, la dott.ssa Antonella Cassano, e il titolare Raffaele Rochira hanno portato gli studenti e gli accompagnatori fra gli ulivi, fornendo loro tutte le informazioni relative agli scavi fatti; una vera e propria città agricola sotterranea con frantoio, cantina, tombe interrate e sarcofagi, monete preziose di primo conio mai messe in circolazione (che si trovano ora presso il museo di Taranto). Vi è stata poi la visita alla capanna preistorica realizzata con foglie e argilla. L’azienda, oltre a produrre olio di ottima qualità, produce vino bianco Chardonnay dal nome commerciale “Contròra” e vino Aleatico dal curioso nome commerciale “Sciupafemmine”, tutti commercializzati con il marchio Le Grotte di Sileno. Fra l’altro, l'azienda sta ultimando i lavori per la realizzazione di un bed-breakfast che sarà fruibile nei prossimi mesi.
La terza visita, a sud di Castellaneta verso il mare, è stata alla “Masseria Latorre Quarter Horses” che possiede un allevamento di cavalli selezionati, che partecipano a gare internazionali e che hanno vinto numerosi premi. Ad ccogliere gli studenti ed i loro accompagnatori il Gruppo di Danze Popolari dell'Associazione Gaia (guidato dalle insegnanti Maria De Benedictis e Carmela Losito) che si è esibito in una serie di balli della tradizione popolare, coinvolgendo persino la proprietaria dell’azienda, la signora Giuseppina Tripoli. I balli si sono conclusi con una quadriglia comandata in dialetto castellanetano. La visita è poi proseguita nell’azienda e qui Beppe Latorre, figlio della titolare, ha mostrato nell’arena le tecniche americane di cattura di un vitello con un cavallo addestrato. Al termine della visita i partecipanti si sono recati presso l’Istituto Alberghiero “Mauro Perrone” per degustare un ricco buffet di prodotti tipici offerto dalla Cia, tra cui mozzarelle realizzate al momento dal casaro Piero Tigri componente dell'Associazione Gaia, frutta, verdura, focacce e zeppole. L'iniziativa, ben riuscita, è stata molto apprezzata dai presenti, dai docenti e dai titolari delle aziende visitate- Scuola, agricoltura e attività imprenditoriali hanno contribuito a sviluppare e far conoscere agli studenti il territorio e l’economia agricola della zona castellanetana. Nella foto gli studenti italiani e tedeschi che hanno visitato le tre masserie.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)