Privacy Policy politicamentecorretto.com - Nasce oggi ad Amantea un laboratorio politico culturale, Il Cantiere.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Nasce oggi ad Amantea un laboratorio politico culturale, Il Cantiere.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Si tratta di un movimento di tipo orizzontale, fatto da uomini e donne
che si riconoscono nelle idee e nei valori del centrosinistra. “E' un
luogo di incontro e di lavoro, una opportunità di discussione e
confronto su temi che riguardano la “gente normale” dice uno dei
fondatori Enzo Giacco, che insieme al consigliere comunale Vincenzo
Pugliano intende portare il movimento in tutta la Calabria.

L’obiettivo è quello di dare un contributo al necessario ripensamento
della politica, in termini di uomini, strategia ed obiettivi,
favorendo la partecipazione attiva dei territori e dei cittadini nelle
proposte e nelle scelte.

Il primo appuntamento del Cantiere è stato un interessante e
partecipato incontro sul tema: Da “il caso Fallara” ad un nuovo
modello di protagonismo cittadini. Organizzato ad Amantea dal
laboratorio politico e culturale “Il Cantiere”.


Presenti: il giornalista dell' Unità, Gianluca Ursini, il consigliere
regionale Demetrio Naccari, Franco Laratta, deputato uscente, i
consiglieri comunali Marco Ambrogio (Cosenza); Giovannino Russo (Vibo
Valentia), Giuseppe Falcomatà (Reggio Calabria), sindaci e
amministratori comunali di diversi centri calabresi. Ha presieduto
Vincenzo Pugliano.

Per Franco Laratta “in Calabria i partiti hanno fortemente abbassato
la soglia di attenzione e di lotta verso la criminalità organizzata.
La cosa che più preoccupa è che la ndrangheta controlla ormai buona
parte delle istituzioni, è padrona assoluta di larga parte del
territorio calabrese, nel silenzio assoluto di buona parte della
politica e della società civile. La criminalità organizzata (
sostenuta dalla massoneria deviata) sta conquistando la Calabria.
Controlla affari leciti e illeciti e si arricchisce sempre di più. Fa
affari in diverse regioni italiane e tanti altri Paesi del mondo.

Se non c'è una forte reazione politico-istituzionale, e una dura
reazione della socieyà civile, la Calabria rischia di perdere la sua
battaglia per la legalità”

Giuseppe Falcomatà: “Il caso Fallara” è il manuale del cattivo
amministratore, per chi si affaccia alla politica all'interno delle
istituzioni, infatti, basterebbe non fare ciò che c'è scritto in
questo libro per essere un amministratore onesto e virtuoso. Basti
pensare che a quasi un anno dalla pubblicazione, gli autori del libro
non hanno ricevuto neppure una querela. “Il caso Fallara” è lo
specchio di cosa sia successo a Reggio negli ultimi dieci anni: una
gestione strumentale e per fini personali delle casse comunali che ha
portato il Comune ad accumulare debiti per oltre 110 milioni e ha
condotto all'onta dello scioglimento per mafia. Adesso bisogna tornare
a dare delle risposte ai cittadini: non basta più essere differenti, i
cittadini di Reggio ci chiedono come uscire da questo tunnel e se
vogliamo essere classe dirigente dobbiamo essere capaci di rispondere
a queste istanze.

Demetrio Naccari: “il modello Reggio propugnato dall'amministrazione
Scopelliti in realtà non è mai esistito. E' esistito piuttosto un
utilizzo strumentale delle risorse dei cittadini per finanziare una
scalata alle cariche istituzionali che ha sottratto ai reggini ed alle
nuove generazioni il futuro. Oggi Reggio non offre una garanzia di
esigibilità ai diritti sociali dei cittadini per mancanza di risorse e
il piano di riequilibrio deliberato dalla triade rischia di essere uno
strumento per non fare emergere le responsabilità e far pagare ai
cittadini la mala gestio del passato. La pressione tributaria è
diventata insopportabile e rischiamo di non potere puntare ad
obiettivi di crescita economica nell'immediato. Dalla vicenda
Scopelliti-Fallara dobbiamo partire per affermare un modello vero che
aumenti il controllo sociale e coinvolga i cittadini nelle scelte di
governo.

Dello stesso parere anche Marco Ambrogio e Giovannino Russo che hanno
anche denunciato le difficili condizioni in cui operano nelle loro
realtà. Insieme al rischio che corre chi combatte apertamente
l'illegalità e la corruzione.

Il Caso Fallara è stato poi ampiamente illustrato all'ampia platea
dall'autore Gianluca Ursini. Il tutto raccontato nel libro-inchiesta
che ha portato alla luce quegli scandali che hanno caratterizzato la
vita degli ultimi 10 anni del comune di Reggio Calabria, oggi sciolto
per mafia.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)