Privacy Policy politicamentecorretto.com - Misure di protezione per coloro che collaborano con la giustizia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Misure di protezione per coloro che collaborano con la giustizia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Al ministro della Giustizia – Per sapere – Premesso che:

- la normativa vigente prevede particolari misure di protezione per coloro che collaborano con la giustizia, nonché benefici penitenziari , economici e di altro genere, che finiscono col rendere estremamente agevole la vita di coloro che hanno alle spalle diversi omicidi o che sono risultati giudiziariamente appartenenti ad organizzazioni mafiose;

- tutti i citati benefici, goduti quasi sempre dai collaboratori di giustizia all’insegna della “spavalderia”, non risultano graditi al comune cittadino ed, in particolare, ai familiari delle numerose vittime;

- da notizie di stampa si è appreso che qualche settimana fa, il collaboratore di giustizia Peppino Vitelli, al quale risultano attribuiti circa una ventina di omicidi e noto boss della ‘ndrangheta cosentina, nei giorni successivi alla testimonianza in uno dei tanti processi, ha passeggiato per la Città di Cosenza con ben cinque uomini di scorta, appartenenti alle Forze dell’Ordine;

- la cosa certamente ha destato stupore e rabbia tra i cittadini cosentini, anche perché attualmente in Calabria ci sono Magistrati coraggiosi e testimoni di giustizia che hanno portato avanti importanti processi contro la ‘ndrangheta, ma che risultano privi di protezione:

- se non ritenga necessario ed urgente rivisitare la normativa vigente sui collaboratori di giustizia al fine di porre qualche “freno” a coloro che spesso si servono di tale figura solo ed esclusivamente per godere di benefici, sicuramente non dovuti nei confronti di chi non ha avuto alcun riguardo per la vita umana.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)