Privacy Policy politicamentecorretto.com - La pittrice romana Antonella Scaglione espone dal 13 al 21 aprile alla Galleria del Castello Aragonese di Taranto

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La pittrice romana Antonella Scaglione espone dal 13 al 21 aprile alla Galleria del Castello Aragonese di Taranto

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Mostra personale di pittura dell’artista romana Antonella Scaglione presso la Galleria del Castello Aragonese (Piazza Castello). L’inaugurazione avverrà sabato 13 aprile alle ore 18.00.
L’evento,  dal titolo “Oltre”, organizzato dalla signora Parlapiano, sarà presentato dal giornalista e critico d’arte prof. Giuseppe Santoiemma. Commenti lirici accompagnati da musica dal vivo. Seguirà un piccolo rinfresco.
Ricordiamo a tutti che questa interessante personale d’arte contemporanea si potrà visitare fino al 21 aprile nei seguenti orari: 10.00/13.00 – 17.00/20.00. Sabato e festivi, ore: 10.00/13.00 – 17.00 a seguire.
Opere dell’artista in esposizione (dal 4 al 17 aprile) presso la Galleria Tornatora di Roma (“Amor per Roma”). Sempre a Roma, dal 21 aprile al 2 maggio 2013 presso la Cascina Farsetti di Villa Doria Panphilj (via Leone XIII, 75) nell’ambito del VII Premio Internazionale di Pittura e Grafica “Natale di Roma” 2013 (vernissage e premiazione dell’artista il 21 aprile alle ore 11.00).
“Io credo” è il titolo di un’altra esposizione che si terrà dal 18 al 25 maggio 2013 a Roma, presso la Galleria “La Pigna Ucai” in via della Pigna 13/a.
Ricordiamo ai lettori che l’artista, nata a Roma il 25 febbraio  1965, è figlia d’arte (il padre Antonino Scaglione era artista nella pittura degli anni ’60 – ’70) ed ha iniziato a dipingere guidata dalla spinta emozionale catartica e ha utilizzato (e utilizza) la pittura quale modalità di contatto, conoscenza e elaborazione della realtà oggettiva e soggettiva. L’artista imprime nelle sue opere  messaggi significativi con valenze estetiche ed etiche, mediante forti espressioni  di contenuti profondi nascosti dalle apparenze;  motivata dal mettere in rete, e quindi a disposizione dell’altro,  l’opera artistica, per fruire di una comune emozione e per un confronto  mediato  dalla empatica comunicazione artistica.
Non solipsichismo, ma comunione con l’altrui sentire e pensare, in una spirale di approfondimenti sempre più saggi e di insight sempre più acuti. Confronto di idee e sottili percezioni insolite, in un mondo troppo frettoloso per essere attento  e critico rispetto ai significati profondi delle evenienze,  troppo spesso superficialmente subite a causa di sciocche abitudini.
Porre attenzione, quindi, alle cose scontate, per osservarle con diffidenza, contraddirle, smascherarle nella loro perversione e riscattare l’autenticità e l’essenza vera  dell’essere, per  ottenere la pienezza dell’esistenza.
Questo è un messaggio forte, difforme dal coro, un invito alla critica soggettiva e sociale, un fertile anticonformismo che grida un messaggio emozionale autentico ed invita alla spontaneità e al coraggio dell’espressione originale.
La sua produzione è continua  traendo  spunto da ogni evento, sia eclatante che nascosto, della molteplice fenomenologia del quotidiano.
La sua vita artistica è costellata da incontri, mostre, convegni. Antonella Scaglione esprime continuativamente la sua motivazione attraverso l’attiva partecipazione alle iniziative individuali e collettive, inserendosi  in contesti artistico-culturali.
Svolge prevalentemente la sua attività in provincia di Roma e le sue opere sono presenti in collezioni private.
 E’ presente in testi, cataloghi, riviste, giornali e pubblicazioni scientifiche, anche multimediali. Attualmente fa parte della scuderia Radini Tedeschi e dell’Accademia di San Lazzaro di Roma.
Nella foto l’invito della mostra “Oltre” con riportare due opere dell’artista: “Luce lunare” e “Marilyn Monroe”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)