Privacy Policy politicamentecorretto.com - I SAGGI VOGLIONO ELIMINARE LA CIRCOSCRIZIONE ESTERO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

I SAGGI VOGLIONO ELIMINARE LA CIRCOSCRIZIONE ESTERO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

RIFORME: SAGGI, GIACOBBE E TURANO (PD):VOTO ITALIANI ALL'ESTERO NON SI TOCCA

"Abbiamo appreso con stupore e incredulità la proposta dei 'saggi' di eliminare la circoscrizione estero con la riforma elettorale suggerita nella relazione consegnata a Napolitano. Ci auguriamo che quanto proposto dal gruppo di Lavoro sulle riforme istituzionali sia solo un incidente di percorso dovuto alla fretta nel redarre il testo e non alla scarsa conoscenza del mondo dell'emigrazione italiana". E' quanto scrivono in una nota Francesco Giacobbe e Renato Turano, senatori del Partito Democratico eletti nella circoscrizione estero. "Eliminare la circoscrizione estero - scrivono Giacobbe e Turano - equivarrebbe alla cancellazione di un diritto acquisito dopo anni di battaglie e rischierebbe di tagliare definitivamente quel cordone ombelicale che lega l'Italia ai suoi emigrati e che già il governo Berlusconi aveva indebolito fortemente con i tagli operati nell'ultima legislatura". "Oggi più che mai - aggiungono - sarebbe opportuno rilanciare la circoscrizione estero e non sopprimerla. Oggi più che mai sarebbe indispensabile guardare con occhi positivi alla vecchia e alla nuova emigrazione, al grande universo delle collettività italiane, per far sì che i nostri connazionali non vengano considerati cittadini di serie B e che gli vengano assicurati i diritti alla rappresentanza e alla partecipazione attiva alla vita politica italiana. Gli italiani all'estero - concludono i senatori - non sono un problema ma una risorsa per il nostro Paese, sono i primi ambasciatori del made in Italy nel mondo e le loro storie, fatte di successi e innovazione, ogni giorno danno prestigio al Belpaese".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)