Privacy Policy politicamentecorretto.com - LA MARCA (PD): L’ATTENTATO DI BOSTON COLPISCE TUTTI NOI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LA MARCA (PD): L’ATTENTATO DI BOSTON COLPISCE TUTTI NOI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

L’atto di violenza e di terrorismo compiuto con viltà a Boston a danno di gente inerme colpisce tutti noi. Le maratone si sono affermate ormai come incontri vitali e gioiosi di persone comuni, proveniente da diverse parti del mondo e mosse da uno spirito non di competizione ma di reciproca conoscenza e di condivisione. Vivere in pace, incontrarsi e misurarsi lealmente con altri, ricordare momenti positivi e particolari della propria vita sono cose che ognuno di noi vorrebbe fare. Per questo quell’atto è atroce, perché è rivolto alla gente comune con l’intento di trasformare la vita in morte, la gioia in paura, il ricordo in ferita che non si sana.
La solidarietà per le vittime e per le loro famiglie, per i feriti e per coloro che porteranno sul loro corpo i segni di questo attentato è il primo dovere. Ma non basta. Se l’obiettivo degli stragisti e alimentare le paure, far rinchiudere le persone nel loro privato, discreditare il prestigio degli stati democratici e delle loro istituzioni, allora è necessario anche resistere, ricacciare indietro i portatori di morte, affermare la volontà di continuare a vivere la quotidianità con il coraggio non degli eroi ma delle persone normali.
E’ il momento di essere uniti e di dimostrare che la democrazia, anche se può incontrare pause e fatiche, è più forte, ed è l’unica condizione nella quale VOGLIAMO vivere e operare.

On. Francesca La Marca

Invia commento comment Commenti (0 inviato)