Privacy Policy politicamentecorretto.com - MORIRE IN OSPEDALE. PARTE L'INDAGINE DEL MINISTERO DELLA SALUTE. UTILE SPUNTO PER IL LEGISLATORE?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MORIRE IN OSPEDALE. PARTE L'INDAGINE DEL MINISTERO DELLA SALUTE. UTILE SPUNTO PER IL LEGISLATORE?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Firenze, 21 settembre 2007

MORIRE IN OSPEDALE. PARTE L'INDAGINE DEL MINISTERO DELLA SALUTE. UTILE SPUNTO PER IL LEGISLATORE?

Intervento dell'on Donatella Poretti parlamentare radicale della Rosa nel Pugno, segretaria della Commissione Affari Sociali

E' partita l'indagine del Ministero della Salute sulle "problematiche riguardanti l'assistenza nelle fasi di accompagnamento alla morte". Grazie ai dati che saranno disponibili il prossimo febbraio, potremo sapere come si muore negli ospedali italiani. E' stato il sottosegretario alla Salute Serafino Zucchelli a dirlo, rispondendo ad una mia interrogazione in XII Commissione, elaborata insieme a Giulia Simi dell'Associazione Luca Coscioni e firmata da altri 14 deputati iscritti alla medesima associazione. (1)
Le ultime dichiarazioni del ministro Livia Turco che esprimevano la necessita' di fare "un'indagine nelle nostre strutture per consentire a tutti di morire in modo dignitoso, e garantire ai malati la massima assistenza", ci hanno dato lo spunto per riaffrontare questo argomento.
Gia' Piergiorgio Welby, nel settembre del 2006, scrivendo al presidente della Repubblica, aveva espresso la necessita' di un'indagine del genere e l’Associazione Luca Coscioni raccolse quasi trentamila firme su una petizione in merito. Le ricerche del genere che circolano, sono tutte datate e parziali.
Mi auguro che i risultati dell'indagine siano un utile spunto per il legislatore, come e' successo in molti Paesi, tra i quali Olanda, Usa, Regno Unito, Francia, Svezia, Spagna, Australia, Argentina, in cui il dibattito sulle decisioni di fine vita, sia a livello politico che di opinione pubblica, si e' sviluppato a partire dai risultati di indagini conoscitive.

il testo dell'interrogazione: http://www.donatellaporetti.it/intg.php?id=644

(1)Rapisardo Antinucci, Fulvia Bandoli, Marco Beltrandi, Salvatore Buglio, Luigi Cancrini, Cinzia Dato, Sergio D'Elia, Giacomo Mancini, Bruno Mellano, Tommaso Pellegrino, Lalla Trupia, Lanfranco Turci, Maurizio Turco, Katia Zanotti

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie