Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: di nuovo ferma la scala mobile di via Cimarosa

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: di nuovo ferma la scala mobile di via Cimarosa

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Capodanno: “ Ancora una volta fuori servizio senza alcuna segnalazione “

 

         “ Oramai al Vomero è una costante, al punto che sono state ribattezzate le “scale immobili”. Da quando sono state inaugurate, in pompa magna, il 16 ottobre del 2002, non si contano le volte che almeno una delle tre rampe delle scale mobili di collegamento tra le funicolari e la stazione del metrò collinare di piazza Vanvitelli non può essere utilizzata, per i guasti più vari, dalle tante persone, per lo più anziane o con difficoltà di deambulazione, che devono raggiungere la parte alta di via Cimarosa e l’area di San Martino – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. L’ultimo fermo, riscontrato stamani, riguarda la rampa che collega piazza Fuga con via Cimarosa, senza peraltro che il guasto sia segnalato “.

 

         “ Certo la mancanza di una copertura, con un materiale che non avrebbe avuto impatto ambientale, la quale andava realizzata all’atto della costruzione dell’impianto – prosegue Capodanno -, sottopone questa rampa, rispetto alle altre due, ad un maggior rischio di guasti, per la conseguente esposizione alle intemperie “.

 

“ La cosa che più lascia perplessi – continua Capodanno – è che si fermi un impianto intermodale importante per i collegamenti con la parte alta del quartiere, dove peraltro vi sono migliaia di residenti, senza neppure uno straccio di cartello che precisi i tempi ed i motivi del fermo. E’ questione anche di rispetto nei confronti dei cittadini che vengono privati di un servizio pubblico essenziale senza alcuna informazione “.

 

         “ Considerando che per la realizzazione di tutto l’impianto di collegamento ci sono voluti circa due anni e si sono spesi circa 4 miliardi delle vecchie lire – conclude Capodanno - sarebbe il caso, così come viene sollecitato da tempo, di effettuare un’approfondita analisi per chiarire una volta e per sempre i motivi di questi frequenti guasti, ponendovi rimedio affinché non abbiano a verificarsi con l’attuale eccessiva frequenza, provvedendo comunque, quando ciò accada, alle riparazioni in tempi rapidi ”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)