Privacy Policy politicamentecorretto.com - A Castellaneta incontro su “Fede, società e politica in Luigi Sturzo, anticipatore del Concilio Vaticano II”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A Castellaneta incontro su “Fede, società e politica in Luigi Sturzo, anticipatore del Concilio Vaticano II”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Anno della Fede nella Diocesi di Castellaneta. Giovedì 9 maggio 2013, alle ore 19.00 presso la Sala Mons. Martino Scarafile al Centro Pastorale Lumen Gentium di Castellaneta, incontro sul tema “Fede, società e politica in Luigi Sturzo, anticipatore del Concilio Vaticano II”. Interverranno il prof. Vittorio De Marco (Università del Salento), il prof. Antonio Panico (direttore della Lumsa di Taranto e docente presso la Lumsa di Roma). Modera il dott. Michele Recchia (delegato OESSG di Castellaneta). Conclusioni di S. E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Castellaneta.
A promuovere questo incontro di formazione socio-politica rispondendo alla sollecitazione dei Vescovi di Puglia, che invitano ad a globalizzare la solidarietà, è la delegazione diocesana dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, nell’Anno della Fede e del cinquantesimo anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II.
Importante sottolineare quanto è stato scritto sul n. 28 di “Cristiani nel mondo, testimoni di speranza” riferendosi alla Conferenza Episcopale Pugliese.
“È sotto gli occhi di tutti che la crisi attuale non è solo economica, ma anche etica e antropologica. La globalizzazione dei mercati domanda un impegno ancora più grande e concreto per globalizzare la solidarietà. I beni della terra sono dati dal Creatore a tutti gli uomini: su tale principio si fonda la tessitura di un legame profondo tra economia ed etica. Un “ponte nuovo”, che non si limita ad inserire settori o segmenti etici nella prassi economico-finanziaria attuale, ma cerca nella dottrina sociale della Chiesa le dimensioni indispensabili, le “esigenze intrinseche” per passare dalla denuncia alla costruzione di una “casa comune”. I “beni relazionali” ed i “beni finanziari” devono essere collegati al principio del primato della persona sull’economia. Papa Benedetto XVI chiede di elaborare un’etica «amica della persona» (Benedetto XVI, Caritas in veritate, 45). In questo campo osiamo pensare e sperare che il Sud possa rivelarsi un nuovo “laboratorio”, capace di fornire orientamenti ed esperienze utili al resto del Paese, dell’Europa e del mondo”.
In merito alla politica ed alla teologia morale don Luigi Sturzo ha scritto, fra l’altro, in “Popolo e libertà, 1938”,  Ora in “L. STURZO, La vera vita. Sociologia del soprannaturale, Vivere in, Roma – Monopoli 2005, pp. 237-238): “La politica ben intesa è una forma della carità. Questo principio è fondamentale nella teologia morale, per quanto non lo sia, purtroppo nella pratica umana, sia per coloro, alle volte i migliori, che si allontanano dalla politica come da cosa poco pulita,. Sia per coloro che, occupandosene, non si sentono più legati dalle leggi morali con le quali sarebbe  difficile, stando a loro, fare della politica come la fa il “mondo”. L’idea di politica come partecipazione del cittadino alla vita pubblica contiene due elementi: cooperare al bene comune nella misura delle proprie forze (carità) e adempiere all’officio, alla carica, al mandato di cui si è stati rivestiti (giustizia comunitaria)”.
Nella foto il relatore Vittorio De Marco.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)