Privacy Policy politicamentecorretto.com - Se le donne prendessero esempio da Maria e non da Eva

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Se le donne prendessero esempio da Maria e non da Eva

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


Sul blog partecipativo Reset Italia, Doriana Goracci ha pubblicato un articolo intitolato “Ammazzate a maggio nel mese delle rose per amore criminale e violenza senza fine”, dove riporta le tragiche notizie di questi giorni sulle donne strangolate, soffocate, accoltellate. Ma questo non è solo il bel mese delle rose, cara Doriana, è anche il mese dedicato alla mamma e soprattutto alla madre per eccellenza, la Madonna, colei che “obbedendo, divenne causa di salvezza per sé e per tutto il genere umano” (sant’Ireneo). A mettere nei guai il genere umano era stata una donna disobbediente: Eva. Maria, invece, fu obbediente e diventò madre perfetta, madre addolorata, ma non violentata, strangolata, soffocata, accoltellata. Se le donne prendessero esempio da Maria e non da Eva, se obbedissero sempre, se non pensassero a lavorare e ad essere libere e indipendenti,  ma a sposarsi e sottomettersi al marito, ad allevare bambini, anche se non figli dell’Altissimo come quello di Maria, si può essere certi che non correrebbero il rischio d’essere strangolate, soffocate, accoltellate. Invece, ogni tanto a qualcuna salta lo schiribizzo di imitare Eva, d’essere disobbediente, e anziché mettere nei guai il genere umano, mette nei guai se stessa. Ed è anche comprensibile, giacché gli uomini non hanno la pazienza del Signore che si limitò a dire a Eva: “Con doglie dovrai partorire figliuoli”, senza strangolarla, violentarla, accoltellarla.
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data elisa merlo, 06 Maggio, 2013 10:43:11
    Spero che si sia capito che facevo del sarcasmo. Oppure non le ho dette abbastanza grosse? Certo è che dalla redazione de La Stampa cui pure ho inviato il pezzo, ho ricevuto la seguente mail: "Gentile signora, siamo basite, per usare un eufemismo, dalla lettura delle sue parole. la stampa". Ma si può?