Privacy Policy politicamentecorretto.com - On Franco Laratta: “ Il nostro congresso deve essere fatto presto e bene. Dobbiamo interpretare al meglio la forte richiesta di cambiamento”!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On Franco Laratta: “ Il nostro congresso deve essere fatto presto e bene. Dobbiamo interpretare al meglio la forte richiesta di cambiamento”!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Areadem Calabria: “Abbinare il congresso regionale a quello nazionale. La Calabria ha bisogno di un forte e condiviso rilancio del Pd, nel segno dei tempi e delle mutate esigenze sociali”:

On Franco Laratta: “ Il nostro congresso deve essere fatto presto e bene. Dobbiamo interpretare al meglio la forte richiesta di cambiamento”!

Stamane a Lamezia Terme si è riunito il coordinamento regionale dei Area Democratica, la componente vicina a Dario Franceschini.

Presenti: L'on Franco Laratta, il deputato Nicodemo Oliverio, Mimmo Bevacqua, Pasqualino Mancuso e Giovannino Russo.

Non era scontata la conclusione serena e positiva dell’Assemblea Nazionale del PD; anche per questo salutiamo positivamente l’elezione di Guglielmo Epifani, personalità che proviene dal mondo del lavoro, in una fase dentro la quale è il dramma occupazionale la prima emergenza del Paese.

Siamo consapevoli del ruolo che sono chiamati a svolgere il Pd ed Enrico Letta, con generosità e autorevolezza, per far fronte ad una fase storica che non ha precedenti, ricca di speranze ma anche di incognite.

Il PD ha netta la consapevolezza del momento eccezionale e delle difficoltà straordinarie che la nostra democrazia affronta, che è insieme crisi di rappresentanza ed esplosione della questione sociale che rischia derive pericolose con approdi emergenziali non controllabili, ed il suo destino è consegnato ad un duplice e pesantissimo compito: ricostruire se stesso e reincontrare il Paese ed i suoi bisogni, soprattutto nel Mezzogiorno ed in Calabria.

L’impresa, determinata da una sequenza di errori e contraddizioni che ne hanno minato credibilità e profilo politico, a cominciare dall’insoddisfacente esito elettorale e fino alla terribile immagine dei franchi tiratori per l’elezione del Capo dello Stato, è assai ardua, ma obbligata, e non consente percorsi di comodo ed aggiramenti nel nome di una conservazione senza senso e della ripetizione di rituali che appartengono ad un passato che non può ritornare.

La realtà ha spazzato via vecchi retaggi, sepolto luoghi comuni e reso sterile una pratica politica che, invece di aderire ai bisogni della gente, ha finito con il calpestarne vocazioni ed aspettative legittime; il nostro elettorato, anche quello di antica tradizione ed appartenenza, anche in Calabria, non ha esitato a rincorrere altri lidi ed è drammatico che siano soprattutto i giovani, i più giovani, ad avere abbandonato il nostro Partito.

Nessun tatticismo può più essere alimentato ed incoraggiato ed anche in Calabria occorre, con più lena che altrove, a causa di una condizione sociale, economica ed istituzionale che si aggrava di giorno in giorno, ricostituire prioritariamente, prima ancora degli organigrammi, una condizione di ascolto della società calabrese che possa rappresentare il terreno fertile e positivo, dove tutto il PD della Calabria si riproponga con determinazione e credibilità rinnovata.

Appare pertanto necessario, per fare presto e bene, unire la fase congressuale regionale a quella nazionale, già fissata per ottobre. Per consentire in questi mesi una vera e profonda analisi della sconfitta, insieme alla elaborazione di una risposta forte e concreta, che coinvolga iscritti, simpatizzanti ed elettori del pd.

La nuova segreteria nazionale saprà indicare la migliore soluzione che ci conduca al congresso di ottobre, mentre tutti noi dobbiamo sentirci impegnati al rilancio del nostro partito, che presto sarà chiamato ad importanti ruoli di responsabilità anche nella nostra regione.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)