Privacy Policy politicamentecorretto.com - FAIDA GARGANO: ASSURDO L'OBBLIGO DELLA DIMORA AL KILLER A S. NICANDRO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

FAIDA GARGANO: ASSURDO L'OBBLIGO DELLA DIMORA AL KILLER A S. NICANDRO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“E’ sconcertante sapere che si possa ritenere opportuno obbligare un presunto killer e boss mafioso a soggiornare nella cittadina in cui avrebbe commesso 5 omicidi e dove risiedono la maggior parte dei familiari delle vittime”. Lo afferma la senatrice Colomba Mongiello (PD) dopo aver presentato un’interrogazione urgente al ministro della Giustizia, con cui si denuncia la scarcerazione di alcuni presunti boss mafiosi, protagonisti della faida in corso da oltre 30 anni a Monte Sant’Angelo, chiedendo al ministro Alfano quali provvedimenti intenda assumere “nei confronti degli imputati scarcerati a tutela delle comunità offese dalle attività dei clan mafiosi”.
“Perlatro l’ultimo ‘beneficiario’ della scadenza dei termini di carcerazione preventiva potrebbe ha l'obbligo di risiedere a San Nicandro Garganico – prosegue Colomba Mongiello – nello stesso centro in cui appena 48 ore fa si è consumato l’ennesimo omicidio di una guerra tra clan che va avanti da oltre 25 anni e in cui avrebbe svolto un ruolo, per così dire, attivo. Siamo di fronte ad una decisione sconcertante potrebbe provocare ulteriori, e facilmente intuibili, problemi di ordine pubblico".
"Ho avuto l’occasione di parlarne personalmente con i sottosegretari Palma e Casellati, i quali hanno prestato attenzione al problema e mi hanno assicurato un rapido intervento – conclude la senatrice del Pd – con la speranza che sia risolutivo e tenga in giusto conto le esigenze di una comunità da troppo tempo costretta a convivere con l’incubo mafioso”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)