Privacy Policy politicamentecorretto.com - Impianti irrigui Regione Puglia. Chiesta la sospensione della delibera che aumenta i canoni irrigui

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Impianti irrigui Regione Puglia. Chiesta la sospensione della delibera che aumenta i canoni irrigui

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


Le organizzazioni di categoria Cia Confederazione Italiana Agricoltori, Coldiretti e Confagricoltura della provincia di Taranto chiedono alla Giunta Regionale e all’Assessore alle Risorse Agroalimentari Fabrizio Nardoni di sospendere l’esecutività della delibera n. 58 del 3 maggio 2013 con la quale sono state approvate le nuove tariffe dei canoni irrigui degli impianti regionali.
Peraltro, nelle settimane scorse le organizzazioni di categoria della provincia di Taranto avevano più volte incontrato l’assessore Nardoni per chiedendogli un intervento per abbassare le tariffe in vigore pari ad euro 750 per ettaro prenotato al Consorzio di Bonifica Stornara e Tara.
Le organizzazioni di categoria Cia, Coldiretti e Confagricoltura ritengono che gli sperperi e la cattiva gestione degli impianti irrigui regionali ora gestiti dall’ARIF non può gravare sulle spalle degli utenti con un aumento indiscriminato delle tariffe irrigue.
In  questa maniera si rende difficile l’utilizzo delle acque degli impianti collettivi, poiché i costi per ettaro superano di gran lunga quelli pagati utilizzando i pozzi aziendali, inoltre tale comportamento alimenta la confusione e la disaffezione degli utenti a sottoscrivere le domande di irrigazione.
Ribadiamo ancora una volta che nella vicina Basilicata il costo dell’acqua erogata per circa dieci mesi l’anno è pari ad euro 180 per ettaro.
In un momento in cui il settore agricolo sta cercando di riprendersi dalla grave crisi, fungendo anche da ammortizzatore sociale nella nostra provincia considerata la crisi degli altri settori, simili decisioni affossano la volontà di sviluppare l’agricoltura nella nostra provincia.
Per le ragioni sopraesposte chiediamo l’immediata sospensione della esecutività della delibera e l’apertura di un confronto fra la Regione Puglia e le organizzazioni di categoria.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)