Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini (PD): “RAI migliori l’offerta per l’estero”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini (PD): “RAI migliori l’offerta per l’estero”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

“Bene incremento risorse RAI per l’estero. Ora impegni per migliorare i servizi”

“Per gli italiani all’estero, l’impossibilità di fruire di molti servizi RAI è un ostacolo al loro diritto di partecipare al dibattito culturale e politico italiano. Servono politiche di comunicazione che mantengano vivo il legame degli emigrati con il nostro Paese e che rafforzino la promozione dei prodotti italiani e del turismo”. Lo dice Laura Garavini, componente dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo PD alla Camera, presentando un’interrogazione parlamentare alla Presidenza del Consiglio e al Ministro dello Sviluppo economico. L’interrogazione è sottoscritta anche dal capogruppo PD nella Commissione Attività produttive della Camera, Gianluca Benamati, e dai colleghi del PD eletti all’estero Gianni Farina, Marco Fedi, Francesca La Marca e Fabio Porta.

“Il Governo sta negoziando il nuovo contratto di servizio con la RAI. È molto positivo che sia riuscito ad impegnare l’azienda a investire di più per gli italiani all’estero. Un incremento di risorse del 10 per cento segna un’importante inversione di tendenza rispetto agli anni passati”, aggiunge Laura Garavini. “Prima della conclusione dell’accordo, però, occorre assicurarsi che le risorse verranno effettivamente spese per fornire i servizi che gli italiani all’estero chiedono da tempo”.

“Considerata la sempre maggiore importanza che internet riveste come strumento d’informazione, si potrebbe prevedere l'apertura di un canale streaming dedicato agli italiani all'estero, che raccolga quotidianamente tutti i contenuti non coperti da vincoli di natura geografica. I notiziari e i programmi d'approfondimento politico e sull'attualità italiana costituiscono elementi di considerevole interesse per le comunità italiane nel mondo, nonché l'unico modo di godere di un'immediata informazione sulle vicende che riguardano il loro Paese d'origine”, dice Laura Garavini. “E anche via satellite, l’oscuramento dei canali RAI tradizionali va limitato. Si deve valutare se non sia possibile adottare alcune soluzioni, come quella di fornire ai cittadini residenti all’estero una card di decriptaggio. Infine, occorre migliorare la programmazione di RAI Internazionale, oggi di modesta qualità anche in ragione delle limitate disponibilità finanziarie”.

“Uno sforzo per estendere la fruibilità dei servizi anche dall'estero va operato nello stesso interesse della RAI”, aggiunge la deputata PD. “Garantendo un contatto quotidiano dei nostri connazionali con il loro Paese, l’azienda accrescerebbe sensibilmente il numero di utenti, traendone vantaggi sia in termini d'immagine che in termini economici”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)