Privacy Policy politicamentecorretto.com - DEPUTATI PD ESTERO: LA PRESENZA DI PAPA FRANCESCO A LAMPEDUSA E’ UN MESSAGGIO ANCHE PER NOI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

DEPUTATI PD ESTERO: LA PRESENZA DI PAPA FRANCESCO A LAMPEDUSA E’ UN MESSAGGIO ANCHE PER NOI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

L’incontro che Papa Francesco avrà lunedì prossimo a Lampedusa con i migranti sbarcati nell’isola e con la popolazione e l’amministrazione locali, che tanta generosità hanno dimostrato nel rendersi disponibili all’accoglienza anche in situazioni di grave emergenza, è un evento che suscita emozione e riflessione.

Lampedusa non è solo per i migranti un confine geografico e amministrativo, l’approdo in una realtà diversa da quella che lasciano per necessità e per bisogno, è anche un confine umano, morale e di civiltà per gli italiani e per gli altri europei, e non solo per loro.

Le tragedie che si susseguono ininterrottamente e che coinvolgono esseri umani indifesi, spesso donne e bambini, non possono trovare risposta solo sul piano degli accordi bilaterali e tantomeno su quello dei controlli e delle misure di polizia. Per quanto importanti possano essere questi aspetti, c’è prima di tutto una questione di diritti umani da affrontare, soprattutto se è in ballo la vita delle persone. Tutto il resto viene dopo.

Per gli italiani, questo dovrebbe essere un punto di profonda sensibilità. La storia della nostra emigrazione è costellata di eventi simili a quelli che oggi si susseguono a ridosso delle nostre coste o nei viaggi di ingresso nelle nostre frontiere. Noi che siamo i rappresentanti delle comunità italiane nel mondo non possiamo tacere, abbiamo il dovere della memoria e di ricordare che non possiamo consentire che agli altri accada quello che i migranti italiani hanno dovuto subire: dalle tragedie di viaggio al razzismo, dallo sfruttamento all’insicurezza e alle morti sul lavoro. Grandi paesi sono diventati moderni e civili anche con il contributo che i migranti italiani hanno dato al loro sviluppo, ora si tratta di dimostrare che, a parti invertite, anche noi siamo aperti a ricevere le risorse che altri migranti portano alla nostra società e alla nostra terra, e a farne tesoro.

Non promesse o dichiarazioni di buona volontà ma atti e risposte concrete ai problemi aperti: dalla protezione della vita dei migranti a un’accoglienza civile e umana, dal sostegno ai rifugiati al contrasto alle pratiche di sfruttamento, dalla formazione dei figli degli stranieri alla cittadinanza concessa a chi nasce in Italia o a chi vi risieda regolarmente per un ragionevole numero di anni. Misure, insomma, di coesione e di integrazione, dalle quali la società italiana non avrà che da guadagnarci, per il presente e per il futuro.

Per questo, la decisione di Papa Francesco di recarsi in una delle frontiere morali del mondo è da apprezzare e da condividere. Essa è importante per i migranti, ma non meno importante per noi che abbiamo la necessità di ritrovare valori e orientamenti che possano guidarci nella traversata che stiamo compiendo tra le difficolt à del presente.

Gianni Farina, Marco Fedi, Laura Garavini, Francesca La Marca, Fabio Porta

Invia commento comment Commenti (0 inviato)