Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Rimediare con urgenza ai guasti creati dai pesanti tagli del contingente scolastico all’estero”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Rimediare con urgenza ai guasti creati dai pesanti tagli del contingente scolastico all’estero”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“L’accanimento contro il contingente scolastico all’estero praticato attraverso la spending review del luglio 2012 si è rivelato sbagliato e devastante per la promozione della lingua e della cultura italiana all’estero. I risparmi così ottenuti, infatti, non sono stati riversati nel settore, così che diverse realtà, anche molto qualificate, sono restate senza un indispensabile supporto. Si pensi che paesi come il Belgio, il Canada, il Brasile, il Cile non avranno più un solo dirigente scolastico che coordini e controlli le attività di promozione della lingua e cultura italiana. In sostanza, anche per questa strada, l’offerta formativa all’estero è stata ridimensionata”.

Laura Garavini, componente dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo PD alla Camera, è partita da questa affermazione per annunciare un’interrogazione urgente in Commissione Esteri sulle problematiche nate a seguito di questi interventi.

 

“Ho chiesto al Ministro degli Esteri di ripristinare la metodologia partecipativa dei ‘Piani Paese’, in modo che si possa raccogliere direttamente dalle nostre comunità le esigenze riguardanti l’offerta formativa all’estero. Bisogna abbandonare il criterio dell’abolizione automatica dei posti resi vacanti, sostituendolo con quello della selettività degli interventi e della difesa delle esperienze di qualità”

 

“Nello stesso tempo-, ha concluso Laura Garavini, - ho chiesto al Ministro dell’Economia e delle Finanze di promuovere con urgenza gli emendamenti al decreto sulla spending review necessari per salvaguardare i livelli essenziali della nostra offerta formativa nel mondo”

 

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 07 Luglio, 2013 18:15:12
    Prima di chidere i soldi dei contribuenti e meglio che si riorganizza il sistema clientelare che lei vuole alimentare con soldi degli altri.In Europa,non c´é bsogno per via dei vari programmi e direttive EU.