Privacy Policy politicamentecorretto.com - Englaro. Con la mozione, e' il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Englaro. Con la mozione, e' il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

La Giunta del regolamento del Senato ha deferito alla commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama la questione di un eventuale conflitto di attribuzione da sollevare tra il Senato della Repubblica e la Corte di Cassazione in merito alla vicenda di Eluana Englaro. Secondo i proponenti della mozione, la magistratura si sarebbe sostituita al legislatore laddove vi e' un vuoto legislativo.
E' del tutto singolare che da una parte il legislatore invochi la separazione dei poteri, ma dall'altra compia una palese invasione di campo cercando di sostituirsi alla magistratura. E' del tutto evidente a chiunque, infatti, che la mozione ha come scopo principale quello di spingere la Procura generale di Milano ad impugnare la sentenza della Corte d'Appello che ha riconosciuto ad Eluana Englaro il diritto al rifiuto delle cure.
Ammesso che vi sia un vuoto legislativo, il giudice non poteva non decidere secondo le norme in vigore.
Il tentativo e' tanto piu' maldestro se si considera che il vuoto legislativo in realta' non c'e', in quanto l'articolo 32 della Costituzione sancisce in modo chiaro ed inequivocabile il diritto in questione: "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge".  Principio ribadito anche dalla Convenzione di Oviedo, sottoscritta dall'Italia nel 2001 ma mai ratificata dal Parlamento.
Ci aspettiamo che la commissione Affari costituzionali rifletta bene prima di procedere in questa direzione, rispettando cosi' quella carta fondamentale, la Costituzione della Repubblica, da cui prende il nome.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)